NewTuscia – VETRALLA – È stata una grande vittoria del Consiglio Comunale aver fatto chiarezza sull’andamento dell’iter di approvazione alla Regione Lazio della revisione al PRG, adottato dal consiglio comunale di Vetralla nel gennaio 2020.

Allarmati dalle affermazioni più volte esternate dall’assessore Gidari ed avvalorate dal Sindaco, i Consiglieri comunali di minoranza si sono visti costretti a chiedere la convocazione di un consiglio comunale in seduta aperta e straordinaria per fugare i dubbi sollevati e rassicurare i tecnici ed i cittadini che hanno presentato osservazioni e hanno, quindi, legittime aspettative sulle modifiche dello strumento urbanistico di gestione del territorio in corso di definitiva approvazione.

Come noto infatti, la maggioranza consiliare aveva più volte allarmato gli interessati paventando espressamente l’ipotesi di una revoca della variante al PRG, attualmente in fase di approvazione alla Regione Lazio.

Quel che è emerso oggi, in maniera chiara ed incontrovertibile, è che attualmente siamo in fase di co-pianificazione, quella in cui la revisione al PRG è all’esame della Regione, è sottoposto ai pareri della Soprintendenza e di altri numerosi organismi di controllo, può essere emendato in alcuni punti ma che l’impianto generale non è stato messo in dubbio, non ci sono gravi vizi di forma che possano in questa fase portare ad un annullamento o ad una revoca dell’atto ed il complesso iter approvativo da parte della Regione sta andando avanti spedito ed, in ogni caso, nella norma.

In particolare, si chiarisce che, mediamente, per completare l’iter di approvazione delle revisioni al PRG occorrono10 anni. Pertanto, tenuto conto che dall’adozione sono decorsi circa 4 anni, non ci sono significativi elementi di preoccupazione e motivi di allarme.

Anzi il Responsabile del servizio ha rassicurato che a breve verranno spedite alla Regione Lazio le controdeduzioni del Comune, complete di tutti i pareri acquisiti, del geologo, dell’agronomo, del tecnico del suono, etc.

E’ apparso chiaro ed evidente a tutti i presenti che, come previsto dalla normativa regionale vigente, l’iter di approvazione è, fin qui, andato avanti speditamente e non è più annullabile, si potrebbe fermare soltanto per inerzia di una delle amministrazioni coinvolte.

Spiace che, pur avendone chiesto espressamente la presenza, non sia stata assicurata la partecipazione del progettista incaricato, evidentemente non si è ritenuto che il confronto con la minoranza e con i cittadini portatori di interessi lo meritasse!

Quel che conta è il risultato: l’iter di co-pianificazione della revisione al PRG sta andando avanti spedito e la Minoranza consigliare è pronta ad assumersi le sue responsabilità e fare la sua parte, ovvero recepire le eventuali osservazioni della regione per la definitiva approvazione.

La Minoranza Consiliare Vetralla