Imprenditori e maestri artigiani coinvolgono studenti e cittadini sulle opportunità professionali legate al Made in Italy nei settori alimentare, moda, tessile, legno, design, arredo, alta gioielleria, nautica, termale, turismo, automotive, industriale e tecnologico

Stefano Stefanini

NewTuscia – ROMA – La Giornata Nazionale del Made in Italy che si celebra oggi per la prima volta istituita a fine dicembre dall’omonima legge quadro, che verrà celebrata ogni anno nel giorno dell’anniversario della nascita di Leonardo da Vinci.

Per simboleggiare questa giornata è stato scelto come logo l’uomo vitruviano di Leonardo Da Vinci. Il marchio è stato realizzato in collaborazione con i grafici dell’Agenzia Commercio Estero, con l’autorizzazione del ministero della Cultura, e accompagnerà tutte le iniziative dedicate alle celebrazioni.

All’iniziativa partecipano i massimi esponenti creativi italiani, che offriranno una vetrina ai settori dell’industria, della moda, dell’arredo, dell’alimentazione, della nautica, dell’accoglienza e di tutte le filiere simbolo del Made in Italy. Coinvolte anche tante imprese, associazioni di categoria, Camere di commercio, Unioncamere, CNA, Confcommercio, Confartigianato, Anci, Comuni, Regioni, Fondazioni, musei, scuole, università, Fondazione Leonardo, Lega Calcio, Guardia di Finanza, Confindustria, Fondazione dei Cavalieri del Lavoro, Rcs Sport e numerosi privati.

Il Ministero degli Affari esteri, insieme alla collaborazione dell’ICE, ha invece coordinato gli eventi all’estero che vede coinvolte oltre 50 sedi in tutto il mondo.

Il calendario delle iniziative che si distribuiranno nell’arco di settimane è stato messo a punto dagli uffici competenti del Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Duecento circa le proposte approvate, per 400 iniziative di rilievo culturale, sociale, scientifico, artistico, storico e sportivo.

Il filo conduttore degli eventi e degli appuntamenti è quello di tramandare valori, abilità e capacità a quelli che saranno i futuri imprenditori del domani, sensibilizzando ancora una volta l’opinione pubblica sul valore delle opere dell’ingegno e dei prodotti italiani.

Imprenditori e maestri artigiani apriranno le porte delle aziende e dei laboratori ai cittadini, coinvolgendo in particolare gli studenti di ogni ordine e grado, allo scopo di stimolare il loro interesse per lo studio e le future opportunità professionali legate al Made in Italy, rappresentato dal settore alimentare, della moda, del tessile, del legno, del design, dell’arredo, dell’alta gioielleria, della nautica, termale, del turismo, automotive, industriale e tecnologico.

Gli eventi, che coinvolgono anche musei, fondazioni e nei luoghi di produzione saranno in presenza, anche con attività pratiche, e on line, con una comunicazione indirizzata al racconto di come le filiere italiane siano un veicolo fondamentale e imprescindibile per proteggere e sostenere il Made in Italy nel mondo.

La Camera di Commercio di Rieti e Viterbo ha organizzato “Proprietà intellettuale e Made in Italy”, un webinar gratuito oggi 15 aprile

L’appuntamento è stato promosso nell’ambito della Giornata nazionale del Made in Italy, celebrata nel giorno dell’anniversario della nascita di Leonardo da Vinci, il 15 aprile 1452, durante la quale sono previsti eventi presso istituzioni, scuole, imprese con l’obiettivo di:

– riconoscere al Made in Italy il ruolo sociale e il contributo allo sviluppo economico e culturale del Paese, anche in relazione al suo patrimonio identitario,

– responsabilizzare l’opinione pubblica per promuovere la tutela del valore e delle qualità peculiari delle opere e dei prodotti italiani,

– sensibilizzare i giovani a scegliere le professioni artigianali e creative legate alle eccellenze delle nostre manifatture.

Nel corso del webinar della Camera di Commercio sono intervenuti Salvatore Capozzolo del Laboratorio Chimico della Camera di commercio di Torino, Giacomo Vigna del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Emanuela Truffo dello Studio Legale Jacobacci & Associati, Mariangela Ravasenga della Camera di commercio di Torino, i rappresentanti aziendali Francesca Ercules (Ronco Luigina Azienda Agricola) e Paolo Aiassa (Terre dei Santi Società Cooperativa Agricola).