Stefano Stefanini

Nell’ambito della rassegna “Le Conferenze di Palazzo Roberteschi”, oggi sabato 13 aprile presso Palazzo Roberteschi, alle ore 17 si terrà  la conferenza dal titolo: “La pastorizia transumante a Orte”,  tenuta da Vincenzo Cherubini e Anna Livia Marcomeni.

La conferenza è patrocinata dalla Biblioteca Medievale dell’Ente Ottava Medioevale di Orte.

La transumanza, come  secolare fenomeno di migrazione stagionale di bestiame dai pascoli di pianura a quelli delle regioni montuose o collinari e viceversa, percorrendo le vie maturali dei “tratturi”, è stata iscritta nella lista rappresentativa del Patrimonio Culturale dell’Unesco.

Vincenzo Cherubini e Anna Livia Marcomeni tornano a trattare della transumanza ad Orte, tema già pubblicato nella rivista “Memoria Storica” Rivista del Centro Studi Storici di Terni n. 61 del 2023.

Nel saggio apparso sulla Rivista “Memoria Storica” del 2023 gli autori hanno descritto il fenomeno della transumanza partendo da  un “Breve” del 30 agosto del 1481 che “impartì’ agli allevatori dell’Appennino umbro-marchigiano l’ordine perentorio di abbandonare il versante adriatico ed inviare le masserizie nei territori delle Dogane di Roma e del Patrimonio.”

Dopo aver descritto la “transumanza umbra”, i relatori  tratteranno  nella Conferenza di Orte la transumanza in generale con particolare riferimento a  quella abruzzese.

Il tema verrà approfondito dai relatori  sotto due aspetti: uno relativo al significato e storia della Transumanza in senso generale, l’altro relativo alla presenza dei transumanti a Orte sia come passaggio dei pastori e delle greggi e sia come modalità di allevamento stanziale.

La ricerca effettuata a Orte si è avvalsa dei racconti  di due testimoni diretti:  Ermede Bonifazi, che ha vissuto da bambino in campagna ed ha  condiviso i suoi ricordi del passaggio dei transumanti.

L’altro testimone è Giancarlo Vitali che vive e lavora a Castel Bagnolo di Orte, località collinare dove i transumanti si sono poi stabiliti definitivamente.