NewTuscia  – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo.

Almerico Romano, Segretario Nazionale della Ugl mare e porti:”Personalmente e a nome della mia categoria smentisco e porgo le scuse alla famiglia del lavoratore e a TUTTI i vertici FINCANTIERI per una notizia erroneamente e involontariamente diffusa dal titolo: Morte operaio, Romano (Ugl):”Ancora sangue nei cantieri navali”.

In data in qualità di Segretario Nazionale della Ugl mare e porti, ho diffuso un comunicato stampa riportando erroneamente la morte di un operaio di origini bengalesi nei cantieri navali di Monfalcone. Seppure vi è stato un incidente sul lavoro, la notizia mi giungeva come grave infortunio mortale ma da verifiche ho appreso, con sollievo, che il lavoratore in questione per fortuna non è deceduto