Miranda Bocci

NewTuscia – VITERBO – Simonetta moglie, madre, nonna apprensiva attenta e discreta nei suoi affetti famigliari ci ha fatto partecipare alla gioia di essere diventata nonna, tanto grande era il suo entusiasmo.

Attenta conoscitrice della pedagogia didattica ha sempre motivato le difficoltà degli alunni con garbo e comprensione con energia e coraggio tanto da sentirsi parte delle ansie delle famiglie di provenienza degli alunni.

“Devo trovare il modo di far lavorare tutti i miei studenti una volta diplomati”
questa era la sua costante preoccupazione:  i suoi alunni hanno avuto il privilegio di essere amati compresi e difesi!

Ha guidato l’istituto Orioli per sei anni rendendolo all’avanguardia con le nuove tecnologie indispensabili per l’ingresso nel mondo del lavoro e instaurando rapporti con tutte le istituzioni del territorio.

Dalle doti umane uniche si è sempre prodigata per il volontariato e per gli ultimi partecipando alle attività promosse dall’associazione Fidapa di Viterbo di cui è stata socia dal 2007 al 2009 presso Villa Rosa, all’ospedale di Belcolle, in Questura, presso la sede dei Carabinieri e presso il comune.

Insieme ci siamo battute contro la violenza sulle donne facendo partecipare alunni e professori al concorso RispettiAMOci raccogliendo applausi encomi e tanti premi.

Tanti progetti e tante collaborazioni l’hanno vista in prima linea in tutte le manifestazioni di dissenso per le ingiustizie sui minori e sui più deboli anche in riferimento all’ educazione alla salute.

Diceva: “I premi ed i riconoscimenti che riscuoto non sono miei ma vostri, il merito è di voi alunni che guidati dai docenti riuscite a fare grande la scuola che frequentate”.

La comunità scolastica tutta ti ricorderà per sempre ed io ti voglio ricordare così donandoti una rosa rossa che tu hai regalato a me un anno fa 🌹