NewTuscia  – VITERBO  – Riceviamo e pubblichiamo. Il rapporto di Legambiente sull’ ecosistema urbano sentenzia in maniera impietosa la perdita di ben 10 posizioni rispetto al 2022. Da anni Viterbo si assestava tra la 62 e 64 posizione.

I parametri di riferimento dimostrano chiaramente che l’amministrazione Frontini sta fallendo anche in questo. Gli indicatori di Ecosistema urbano sono 18. Derivano tutti da dati originali raccolti da Legambiente, ad eccezione della capacità di depurazione e disponibilità di verde urbano che e’ un dato ISTAT. Tra gli altri parametri c’è’ il tasso di motorizzazione e di incidenti stradali (dati Aci e Aci-Istat) e l’uso efficiente del suolo (elaborato da Legambiente su dati Ispra). L’insieme degli indicatori selezionati per la graduatoria complessiva dei 105 capoluoghi esaminati nel report copre sei principali componenti ambientali presenti in città: aria, acque, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia. Vengono così valutati tanto i fattori di pressione e la qualità delle componenti ambientali, quanto la capacità di risposta e di gestione ambientale.

I nostri dubbi sulla gestione del verde, del suolo, dei rifiuti sono confermati. Come sempre gli annunci social che continuamente questa amministrazione mette in campo per nascondere le proprie incapacità sono ben lontani dal tradursi in attività concrete. E le analisi come questa lo confermano. Non finiremo mai di ribadirlo meno selfie, meno annunci e più fatti che sono quelli che i cittadini vogliono e che tutti noi invano attendiamo. Ci auguriamo che il prossimo anno qualche posizione possa essere riguadagnata a beneficio dei nostri cittadini.

Gruppo FDI Viterbo