Stefano Stefanini

NewTuscia – VITERBO  – Dal sito della LIPU abbiamo tratto questo testo relativo alle acque del Lago di Vico, per le quali il Consiglio di Stato, in un recente pronunciamento, obbliga la Regione Lazio ad attivarsi in difesa della salute dei cittadini. Infatti da anni i cittadini dell’area del Lago non hanno più accesso all’acqua potabile a causa della coltivazione intensiva delle nocciole. La sentenza dei Giudici del Consiglio di Stato analizza in modo dettagliato le mancanze dell’Amministrazione nel garantire la tutela delle acque destinate al consumo umano. Ovviamente si registrano commenti diversificati, ma il pronunciamento dei Giudici Amministrativi apre prospettive di tutela di tutela dell’ambiente e salute pubblica.

Noi ci limitiamo a ricordare che la tutela dell’ambiente e’ entrata l’ 8 febbraio 2022 nella Costituzione Italiana. Con 468 voti a favore e uno solo contrario la Camera ha approvato in via definitiva la riforma che modifica e integra gli articoli 9 e 41 della Carta fondamentale. Essendo stata raggiunta la maggioranza dei due terzi dei componenti, il provvedimento e’ entrato subito in vigore e non e’ stato necessario un eventuale referendum confermativo, possibile quando il testo ottiene soltanto la maggioranza assoluta.

In particolare la legge costituzionale dell’8 febbraio 2022 ha modificato innanzi tutto l’articolo 9, introducendo un terzo comma in base al quale, accanto alla tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico della Nazione, richiamata nel secondo, viene attribuita alla Repubblica anche la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi. Viene poi inserito un principio di tutela degli animali, attraverso la previsione di una riserva di legge statale che ne disciplini le forme e i modi.

È’ stato modificato l’articolo 41 della Costituzione che regola l’esercizio dell’iniziativa economica. In primo luogo, si interviene sul secondo comma, stabilendo che l’iniziativa economica privata non possa svolgersi in danno alla salute e all’ambiente, premettendo questi due limiti a quelli già vigenti, ovvero la sicurezza, la libertà e la dignità umana.

Viene modificato il terzo comma, riservando alla legge la possibilità di indirizzare e coordinare l’attività economica, pubblica e privata, a fini non solo sociali, ma anche ambientali.

Prevista infine una clausola di salvaguardia, in base alla quale la legge statale che disciplina le forme e i modi della tutela degli animali, si applica alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome nei limiti delle competenze legislative ad esse riconosciute dai rispettivi statuti.

E’ necessario partire da subito nel rendere effettivo il principio giuridico, comportamentale e socio economico della tutela ambientale, della salute e beni culturali, come cardine valoriale di ogni azione pubblica e privata, con la conseguenza che ogni attività economica non potrà svolgersi in contrasto o in danno alla salute e all’ambiente.

Questo il testo dell’Articolo apparso su lipu.it che pubblichiamo.

Ad un anno di distanza dalla notifica dei primi ricorsi alle Amministrazioni, che nell’ottobre 2022 ha dato avvio alla fase giudiziale avanti al TAR Lazio, si iniziano a vedere i frutti concreti dell’azione legale intrapresa da ClientEarth e Lipu in difesa del territorio del Lago di Vico e della popolazione dei comuni di Ronciglione e Caprarola, in Provincia di Viterbo.

In febbraio il giudice amministrativo del TAR del Lazio aveva rigettato i ricorsi relativi ad ‘Acqua Potabile’ e ‘Conservazione degli Habitat’ con due sentenze che ClientEarth e Lipu, lo scorso maggio, hanno deciso di impugnare facendo appello al Consiglio di Stato.

Il ricorso in appello in materia di acque è stato accolto con una sentenza definitiva del Consiglio di Stato che, confermando quanto sostenuto da ClientEarth e Lipu, riconosce l’inerzia delle Autorità competenti e obbliga la Regione Lazio ad esercitare i poteri sostitutivi, pronunciandosi sull’istanza e attivandosi per garantire la tutela delle acque destinate al consumo umano nell’area.

Veduta del Lago di Vico foto Chiara Ernandes www.lipu.it

La diretta conseguenza dell’inadempienza nell’ottemperare agli obblighi previsti dalla normativa di settore da parte della Regione Lazio, delle autorità responsabili della gestione idrica e dei Comuni di Ronciglione e Caprarola è la non potabilità dell’acqua del servizio idrico del territorio, che si somma al processo di eutrofizzazione che interessa il Lago di Vico.

Numerosi studi documentano la situazione, già da tempo preoccupante, le cui cause sono da ricercare nelle alghe rosse che fioriscono in determinati periodi dell’anno e tolgono ossigeno al lago, rendendo sempre più difficile la sopravvivenza della flora e della fauna, e rilasciano sostanze chimiche cancerogene e tossiche, che non possono essere rimosse mediante processi di purificazione.

Responsabili del sovraccarico di nutrienti che favorisce la presenza delle alghe sarebbero i fertilizzanti utilizzati nelle aree agricole che circondano il lago caratterizzati per lo più dalla coltivazione intensiva delle nocciole. Le piantagioni coprono infatti più di 21.700 ettari nella regione, presentandosi lungo le sponde del Lago di Vico come una monocultura.

“Oltre a confermare e condannare l’inerzia delle autorità competenti, che si è protratta per anni, nel prevenire e contrastare il fenomeno della fioritura delle alghe tossiche – afferma Francesco Maletto, avvocato di ClientEarth esperto di diritto dell’ambiente e della biodiversità – la decisione riconosce indirettamente gli effetti deleteri che le monocolture possono avere sugli ecosistemi, che finiscono per riverberarsi sulle comunità locali, le quali, pur beneficiando economicamente di tali attività, ne risultano in ultima analisi gravemente danneggiate, insieme alla biodiversità”.

La pronuncia conferma, ancora una volta, l’importanza del ruolo delle associazioni ambientaliste che, nella loro qualità di enti esponenziali di interessi legittimi collettivi, vigilano, segnalano e stimolano iniziative risolutive a fronte di eventuali situazioni di irregolarità o inadempienza.

“A fronte delle crisi ambientali senza precedenti che stiamo vivendo – aggiunge Giorgia Gaibani responsabile Natura 2000 e Difesa del territorio della Lipu – è fondamentale che le autorità prevengano l’ulteriore degrado del nostro territorio ponendo le direttive europee a tutela della salute umana e degli ecosistemi al centro delle loro politiche”.

La Regione Lazio ha ora 60 giorni di tempo per attivarsi, dando seguito al giudizio espresso dal Consiglio di Stato in materia di ‘Acqua potabile’.

Si attende inoltre la sentenza in materia di ‘Conservazione degli Habitat’, in riferimento al secondo ricorso in appello presentato al Consiglio di Stato, altrettanto importante per l’area, essenziale ai fini dell’adozione delle misure volte a contrastare il progressivo degrado degli habitat protetti del sito Natura 2000 – Lago di Vico.

Le motivazioni

ClientEarth e Lipu affermano che, ai sensi della normativa dell’Unione Europea, la Regione Lazio non ha adottato le misure necessarie per evitare il degrado degli habitat protetti nel sito Natura 2000 – Lago di Vico a causa degli impatti provocati dalle attività agricole intensive del territorio.

Le autorità della Regione Lazio sono state inoltre richiamate per non aver identificato l’area come zona vulnerabile ai nitrati, nonostante la grave eutrofizzazione in atto nel lago.

Secondo ClientEarth e Lipu, infine, anche i comuni di Ronciglione e Caprarola avrebbero dovuto fare di più per evitare l’aumento dell’inquinamento del lago, fonte di acqua potabile. In relazione a ciò, la Regione Lazio ha altresì inadempiuto al suo obbligo di attivarsi per sostituirsi agli enti locali nell’adottare tali misure.

Il contesto

Enti e associazioni locali segnalano da tempo la necessità di un cambio di passo nei metodi agricoli prevalentemente applicati nella zona – in primis quello dell’agricoltura intensiva e ancor più della monocoltura.

La produzione di nocciole, attività storicamente redditizia, è aumentata in tutto il Lazio negli ultimi 50 anni. La regione è stata in anni recenti coinvolta anche nel ‘Progetto Nocciola Italia’, nato in seno al Gruppo Ferrero attraverso la controllata Ferrero Hazelnut Company.

Nell’intento di garantire alla produzione del colosso dolciario un approvvigionamento di nocciole coltivate prevalentemente in Italia, il progetto ha come obiettivo quello di aumentare gli ettari dedicati alla coltivazione del nocciolo del 30% entro il 2025.

A questo proposito è importante sottolineare che l’impatto ambientale e sanitario della coltivazione intensiva di nocciole si registra anche in altri bacini lacustri dell’Alto Lazio: caso noto è quello del Lago di Bolsena.

Il contesto giuridico

Giugno 2022: ClientEarth e Lipu hanno inviato lettere di diffida alle pubbliche amministrazioni della Regione Lazio e ai Comuni di Ronciglione e Caprarola, nonché alle Autorità del Servizio Idrico e alla AUSL di Viterbo, chiedendo il rispetto delle normative nazionali e dell’Unione Europea.

La risposta è arrivata dalla Regione Lazio in merito a violazioni della Direttiva Habitat e dall’Azienda Sanitaria Locale in merito al mancato rispetto della Direttiva Acqua Potabile. Tuttavia, secondo ClientEarth e Lipu, queste risposte sono state insoddisfacenti: le preoccupazioni sulla qualità dell’acqua potabile non sono state adeguatamente affrontate dalle autorità competenti.

11 ottobre 2022: i ricorsi sono stati notificati alle pubbliche Amministrazioni al fine di dare avvio alla fase giudiziale avanti al TAR Lazio.

11 gennaio 2023: si è tenuta l’udienza di discussione a Roma: il giudice ha deciso di discutere congiuntamente tre dei quattro ricorsi presentati e di trattare separatamente il quarto.

3 febbraio 2023: il TAR del Lazio ha emesso le sentenze sui primi tre ricorsi. Il giudice amministrativo si è espresso in modo concorde sul tema ‘Nitrati’, imponendo alla Regione Lazio di pronunciarsi in merito all’istituzione di una ‘Zona Vulnerabile ai Nitrati’ entro 90 giorni, mentre ha rigettato i ricorsi sui temi ‘Habitat’ e ‘Acqua Potabile’.

2 maggio: è stata notificata alle amministrazioni la decisione di impugnare le sentenze di cui sopra facendo appello al Consiglio di Stato.

Le misure ambientali protettive

ClientEarth e Lipu chiedono alle autorità di rispettare le norme ambientali dell’UE e di introdurre le seguenti misure:

· identificare il Lago di Vico come una ‘zona vulnerabile ai nitrati’ in quanto particolarmente vulnerabile ai processi di eutrofizzazione: ciò comporterebbe l’attivazione di regole più severe per l’utilizzo di fertilizzanti nell’area, e l’adozione di pratiche agricole adeguate per proteggere il sito e abbassare il livello di inquinamento delle acque;

· adottare tutte le misure necessarie per prevenire la proliferazione delle alghe come indicato nella direttiva sull’acqua potabile, sviluppando un piano per l’abbassamento del livello di inquinamento agrochimico nel lago in modo da migliorare la qualità dell’acqua utilizzata per il consumo umano;

· adottare misure adeguate per contrastare il degrado degli habitat protetti nel sito Natura 2000 Lago di Vico in linea con gli obblighi previsti dalla Direttiva Habitat.

ClientEarth. ONG di avvocati e professionisti che si serve del Diritto per creare un cambiamento sistemico a difesa del Pianeta per – e con – i suoi abitanti, grazie a partnership con organizzazioni e privati cittadini in tutto il mondo.

Dai nostri uffici in Europa, Asia e Stati Uniti, avvocati e professionisti si impegnano per modellare, applicare e far rispettare le leggi locali e internazionali.

Lipu. Organizzazione di volontariato (Odv) che opera per la conservazione della natura, in particolare degli uccelli selvatici e dei loro habitat, e la promozione della cultura ecologica. Partner italiano di BirdLife International, conta su 1500 volontari attivi, decine di strutture in tutta Italia e 35.000 sostenitori.