NewTuscia – CIVITAVECCHIA – Dal campo e dalla partite viste ci sono delle imperfezioni ,ma nulla di così eclatante, certo è che nei momenti essenziali il Rugby Civitavecchia non riesce a trasformare quello che dovrebbe essere fatto da giocatori che formano il roster, insomma essere incisivi.

Se si vuole davvero essere pignoli ed andare a verificare i punti focali c’è della indisciplina, ma anche quella dalla prima alla seconda partita è migliorata, la mischia che alcune volte è dura e forte altre volte non è in grado di esprimersi al meglio, la meta quando è vicino ai cinque metri si disunisce senza essere compatto.

Questi i focus su cui ha lavorato il team tecnico biancorosso e su cui sta cercando di limare quello in eccesso e fornire materiale dove mancante.

Quello che invece è certo la voglia di giocare e di vincere del roster biancorosso, su questo non c’è dubbio e lo si vede dall’atteggiamento in campo :”il101%”, e dai numerosi infortuni che non sono certo di astenersi nel lottare per vincere e di conseguenza arrivare con un punteggio più alto degli avversari.

Non c’è dubbio comunque che l’essere competitivi, l’avere la forza mentale per superare ogni sfida, è una tra le migliori risorse di un rugbista, molto più utile che possedere un formidabile diritto. C’è un continuo processo di apprendimento nei biancorossi attraverso allenamento, sfide, prove e dialoghi per trovare la “cazzimma”, ‘furbizia opportunistica’, che hanno dimostrato i team incontrati e che hanno portando a casa la vittoria.

Insomma parliamo della parte positiva del termine, dall’audacia, all’astuzia, all’autorità, ma anche un pizzico di sana cattiveria, che certo non guasta se attuata con intelligenza e nello stesso tempo senza dover essere scorretti nel contatto fisico.

La preparazione fisica ed atletica conta molto ed in seguito si tratta soprattutto di una battaglia psicologica dove vincono i giocatori che hanno più grinta, non i più grossi o quelli con più stile ma su quelli che lottano fino al momento del fischio che decide la partita conclusa e su questo che il team tecnico ha lavorato.

Al Rugby Civitavecchia, domenica 22 ottobre a Roma al Campo del Primavera Rugby, gli Impianti Sportivi della Sapienza Sport, alle ore 15,30, aspetta un Mach davvero importante, una prova nel cercare quella vittoria che ad oggi manca.