NewTuscia – VITERBO – Ho manifestato al Rappresentate del Governo gratitudine per il grande lavoro svolto sino ad oggi a Viterbo e nei comuni della Tuscia, per l’equilibrio e la competenza.

L’incontro ha rappresentato l’occasione per discutere anche degli ultimi avvenimenti accaduti nel Capoluogo in tema di sicurezza, in particolare nel quartiere San Faustino.

Ho chiesto al Rappresentante territoriale del Viminale di valutare la possibilità di allargare il progetto Strade Sicure, già attivo in diverse città del Paese, anche a Viterbo.

Un presidio dell’Esercito nelle zone più “sensibili” del Capoluogo, a fianco delle Forze dell’Ordine e della Polizia Locale, che ringrazio per l’importante e puntuale lavoro svolto sul territorio, funzionerebbe da deterrente e consentirebbe di bloccare sul sorgere nuovi fenomeni di microcriminalità, dando un maggiore senso di sicurezza ai viterbesi.

Ringrazio il rappresentante del Governo per l’ascolto che ha mostrato verso questa proposta, certo che saprà continuare ad agire con competenza nell’interesse della nostra città. 

Sen. Umberto Fusco