Stefano Stefanini

NewTuscia – ORTE – Orte. La fermata degli autobus del Servizio COTRAL e’  stata spostata e limitata di tre chilometri dal piazzale della stazione ferroviaria agli impianti sportivi, in coincidenza con le feste patronali di Sant’Antonio.

Con uno scarno comunicato sul sito istituzionale, il COTRAL ha informato l’utenza che dal 7 al 13  giugno le corse verso e dalla stazione ferroviaria sarebbero state limitate al Polo scolastico degli impianti sportivi, che dista tre chilometri dalla stazione ferroviaria. Tale provvedimento sta arrecando gravissimi disagi ai viaggiatori pendolari che fruiscono del Servizio COTRAL e che si vedono  impossibilitati a raggiungere la stazione ferroviaria, a meno di fruire della  propria macchina.

Lo sbigottimento, l’incredulita’ e la rabbia per la gravità del provvedimento si e’ diffuso  tra i numerosissimi viaggiatori    che ogni giorno  si recano alla stazione ferroviaria dai paesi del comprensorio (anche dalla stessa Viterbo) e parcheggiano a pagamento presso il parcheggio in località Molegnano.

Anche gli amministratori comunali, per primo il sindaco Dino Primieri, hanno manifestato critiche e forti perplessità sul provvedimento restrittivo di COTRAL che, salvo  l’adozione di correttivi, dovrebbe avere efficacia sino a martedì 13 giugno,  termine delle festività’ patronali.

Il comune opportunamente aveva proposto a COTRAL  di far utilizzare ai pullman per il periodo dei festeggiamenti il percorso alternativo, costituito dal ramo di collegamento al parcheggio  di Molegnano  recentemente realizzato, tratto di strada che porta  ad un vero e proprio capolinea  attrezzato con panchine coperte, che risulta fruibile per i pulmini di collegamento veloce tra Voterbo e la stazione di Orte.

COTRAL, ignorando le fondate soluzioni alternative proposte dal Comune, ha deciso unilateralmente di limitare il servizio sino agli impianti sportivi, privando del servizio  i m numerosissimi pendolari che fruiscono quotidianamente dei mezzi pubblici per recarsi nei luoghi di lavoro e di studio.

La motivazione del provvedimento restrittivo del COTRAL sarebbe quella del mancato rilascio da parte dell’Ente Ferrovie dell’autorizzazione all’accesso al piazzale interno della stazione per le manovre dei pullman ATAC.  Accesso al piazzale ferroviario interno da tempo immemore autorizzato dalle Ferrovie.

Al riguardo va tenuto presente che da decenni il piazzale Papa Giovanni XXIII antistante il piazzale della stazione ferroviaria viene utilizzato per ospitare gli eventi programmati per le  festività patronali di Sant’Antonio e per questo non appare fondata la richiesta di qualche viaggiatore pendolare di spostare le manifestazioni patronali dal piazzale  Papa Giovanni XXIII ad altre piazze della cittadina.

La  vicenda dimostra che il COTRAL avrebbe dovuto per tempo concordare con il Comune e con le Ferrovie la soluzione più razionale e meno impattante per la qualità della prestazione dei viaggiatori, che in questa settimana stanno affrontando aggravi di spesa e forti disagi per raggiungere i luoghi di lavoro e di studio.

Non sappiamo se in questi giorni si individuerà una soluzione soddisfacente alla problematica, ma c’è  da augurarsi che per il prossimo anno le presenti criticità vengano preventivamente e adeguatamente risolte con soddisfazione di viaggiatori,  esercenti pubblici servizi, residenti e comune.