NewTuscia – CIVITAVECCHIA – E’ stata una partita in cui il Civitavecchia non è entrato in partita se non nella parte centrale del primo tempo, il resto è stata condotta dal Villa Pamphili.

Eppure trapelava ottimismo nella preparazione del pre partita, aleggiava consapevolezza dell’importanza, in chiave classifica e soprattutto in relazione alla salvezza dal punto di vista numerico.

Coach Tronca: ” Una partita che ci siamo complicati  da soli,  troppi errori come dall’inizio del campionato. Tanta indisciplina, approccio alla partita con disordine, abbiamo rallentato quando dovevamo velocizzare. Il Villa ha meritato di vincere”

Il Rugby Civitavecchia, con l’Arvalia Villa Pamphili, una partita “sbagliata” e un’altra occasione mancata fallita da vincere nella 20° giornata di Rugby.

Cosa non ha funzionato e cosa c’è da salvare del match, nel commento di Tronca: ” Il bonus difensivo è forse l’aspetto meritevole di attenzione, certo è che abbiamo fallito un obiettivo primario sarà da vedere gli altri cosa hanno fatto come risultato (al momento dell’intervista ancora non si conoscevano i risultati delle altre partite di Perugia e Napoli”.

Ed ecco la classifica aggiornata dove ha visto la Primavera ferma per riposo, il Perugia conquistare un punto ed il Napoli vincere:

7 Asd Rugby Napoli Afragola 32

8 Primavera Rugby 31

9 Rugby Civitavecchia 31

10 Rugby Perugia 31

11 Arvalia Villa Pamphili Roma 28

Per il Rugby Civitavecchia la partita “sbagliata” arrivata nel giorno della partita da vincere… Contro il Villa Pamphili i biancorossi perdono l’occasione di certificare la salvezza, di avere conferma dei progressi da attuare dalle ultime giornate. Il risultato è la delusione di tutti, da tutti i punti di vista.

Poi, ragionando, è evidente che il Villa Pamphili, per quanto abbia avuto problemi nel campionato in corso, ha storia, tradizione, capacità di mettere in campo esperienza e voglia di giocarsi la salvezza e poi molto di più, per la verità: a parte la mischia super vincente del Rugby Civitavecchia, i biancoverdi hanno fatto una partita ordinata , una difesa aggressiva, un ottimo gioco al piede, buona presenza nei punti di incontro (il cosiddetto breakdown ) e soprattutto la capacità di commettere meno errori e meno falli.

Resta però, soprattutto per il Civitavecchia, il rammarico per la partita “sbagliata” nel giorno della partita da vincere.