NewTuscia – VALLERANO – La DMO del Bio-Distretto della Via Amerina e delle Forre, in collaborazione con Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà, presentano il terzo incontro del ciclo “Cura dei beni comuni nell’Agro Falisco e nei Monti Cimini – L’amministrazione condivisa per i cammini e i beni archeologici”. La nuova conferenza avrà luogo sabato 4 marzo 2023, all’interno della Palestra comunale di Vallerano, alle ore 10:00. In questo terzo incontro, il gruppo di lavoro si cimenterà in un laboratorio di scrittura del “Patto cornice”.

Nella precedente conferenza, è stata creata di fatto la “classe di Pattisti“, ovvero una squadra di lavoro formata da volontari di associazioni del territorio, singoli cittadini, amministratori, guide territoriali e insegnanti. Hanno preso la parola durante l’ultimo incontro, Elisabetta Salvatorelli e Federica Scopetti di Labsus, che hanno introdotto il prezioso strumento della Legge regionale 10/2019 riguardante proprio i Patti di Collaborazione. Poi ha preso la parola Pasquale Bonasora, presidente di Labsus, che oltre a ripercorrere il tema della “Sussidiarietà orizzontale”, prevista dall’Art. 118 della Costituzione italiana, ha spiegato agli amministratori presenti, l’importanza di approvare un regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni. Ha preso poi la parola Alberto Renzi, destination manager della DMO, che ha accompagnato i presenti alla scoperta delle meraviglie naturalistiche dell’Agro-Falisco, focalizzandosi prevalentemente sui molteplici cammini presenti e la nuova mappatura digitale realizzata dal “gruppo sentieri”.

Partecipa anche tu e proponi un bene o un sentiero di cui prenderti cura!

Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà, è un’associazione di promozione sociale composta da persone che studiano e applicano il principio di sussidiarietà orizzontale (art.118 ultimo comma della Costituzione). “Osserviamo, studiamo e incoraggiamo l’alleanza tra cittadini e amministratori per la cura dei beni comuni e ne raccontiamo le storie sul nostro sito (www.labsus.org), contribuendo così a diffondere la cultura di un’Italia che si prende cura dell’Italia”, fanno sapere i suoi responsabili.

La Dmo del Biodistretto della via Amerina e delle Forre (www.biodistrettoamerina.com) è un’organizzazione finanziata dalla Regione Lazio che ha il compito di coordinare attori pubblici e privati in funzione delle attrattività turistiche dei 13 Comuni che ne fanno parte integrante: Calcata, Faleria, Nepi, Civita Castellana, Castel Sant’Elia, Fabrica di Roma, Gallese, Corchiano, Vallerano, Vignanello, Vasanello, Canepina e Orte. Il portale turistico ufficiale della DMO del Biodistretto della Via Amerina e delle Forre è InAgroFalisco (www.inagrofalisco.it).