NewTuscia – ROMA – “Oggi, con la responsabile del programma della coalizione di centrosinistra per Alessio D’Amato Presidente Alessandra Sartore, abbiamo incontrato in call il Comitato nazionale vulvodinia e neuropatia del pudendo.

Con le donne del comitato abbiamo lavorato sodo negli scorsi mesi per portare all’approvazione del consiglio regionale del Lazio una mozione per far uscire dalla invisibilità queste patologie.

Oggi è stato il momento di rinnovare questo impegno.

Alessandra Sartore ha dichiarato la volontà di Alessio D’Amato e di tutta la squadra per: dare battaglia in Conferenza Stato-Regioni per il riconoscimento nei LEA di vulvodinia e fibromalgia, realizzare un centro regionale di riferimento per queste malattie croniche che abbia anche diramazioni territoriali di prossimità, dare impulso a una formazione diffusa del personale sanitario del SSR a partire da quello dei consultori, avviare campagne di informazione e sensibilizzazione a tappeto su tutta la popolazione del Lazio.

Da parte mia non posso che rinnovare l’impegno già preso di battermi per il pieno riconoscimento della salute di genere tutta, non solo agganciata al tema della sola procreazione”.

Lo dichiara in una nota Marta Bonafoni, candidata capolista della Lista Civica D’Amato Presidente alle prossime elezioni regionali del Lazio.