NewTuscia – TARQUINIA – Riceviamo e pubblichiamo. E’ deceduta all’ospedale di Belcolle a Viterbo, la tarquiniese Silvia Casanova, la giovane e bella ragazza affetta da una malattia rara e devastante: pseudo ostruzione intestinale cronica, conosciuta come Cipo. Il suo cuore ha smesso di battere stanotte all’una.

Lunedì scorso ha accusato forti dolori ed è stata ricoverata a Viterbo, dove una TAC ha rilevato una polmonite bilaterale che è stata aggravata da una setticemia. Il suo fisico, debilitato dalla tremenda malattia, si è arreso.

I funerali si terranno domani, lunedì 23 gennaio 2023, alle ore 15.30, nella Chiesa della Madonna dell’Olivo a Tarquinia.

“Ha combattuto fino alla fine, ma il fisico non ha retto – dice il marito Andrea Tufarini che gli è stato vicino notte e giorno per tanti anni – Silvia era una donna speciale e aveva il dono di rimanere simpatica a chiunque la conoscesse.

Voglio far conoscere cos’è questa malattia, la Cipo – prosegue Andrea – non voglio che le sofferenze e le lotte di Silvia siano dimenticate in fretta. Non voglio che altri malati rimangano senza assistenza e debbano soffrire quello che ha sofferto lei. Grazie alle denunce pubbliche, all’aiuto di varie associazioni e dei giornalisti, siamo riusciti ad ottenere per Silvia 6 ore di assistenza giornaliera. Ma la giornata è fatta di 24 ore e lei aveva bisogno di ricevere un’assistenza costante e qualificata. Io dal 2017 l’ho assistita continuamente. Io ho dato tutto e lei ha dato tutto a me. Ci siamo sposati il 16 settembre del 2019, ma stiamo assieme da 13 anni. Stava scrivendo un libro – conclude – assieme a un suo insegnante, il professor Riccioni. E’ quasi pronto, la presentazione sarà l’occasione per parlare della malattia e di come sono trattati gli ammalati.” Ai funerali sarà presente Marzia Bertocchi, la vice presidente nazionale dell’associazione GIPsI ODV, che sostiene i malati e le loro famiglie.

“Non vogliamo più essere invisibili – dichiara al telefono la battagliera Marzia Bertocchi – in Italia certificati siamo circa 150. A questi vanno aggiunte quelle persone che non hanno ancora una diagnosi della malattia. Serve la ricerca, ma noi ammalati di Cipo siamo dimenticati da tutti.”