NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Si avvicina sempre più l’appuntamento con la coppa Italia per  l’Ecosantagata Civita Castellana. La formazione rossoblù ospita domani pomeriggio (fischio d’inizio ore 17) al Palasmargiassi i pugliesi del Molfetta.

La gara è valida per la qualificazione alle final four della coppa Italia di serie B e le due formazioni hanno avuto accesso alla sfida in virtù del primato nel proprio campionato al termine del girone d’andata: rispettivamente gruppo E per il Molfetta e gruppo F per l’Ecosantagata Civita Castellana. La vincente della sfida di domani otterrà il pass per l’atto finale della competizione.

Il Molfetta è in testa a punteggio pieno al proprio girone e Pierlorenzo Buzzelli non vede l’ora di misurarsi con questi avversari ancora mai affrontati. “Abbiamo studiato il Molfetta attraverso i video e sicuramente possiamo dire che si tratta di una squadra fortissima – commenta il capitano dell’Ecosantagata -. D’altronde i risultati parlano per loro. Però noi siamo ansiosi di confrontarci e vogliamo fare bella figura davanti al Palasmargiassi che sarà sicuramente pieno”.

“Nella mia carriera – continua Buzzelli – sono arrivato due volte secondo in coppa Italia, quando giocavo in A2. Mi piacerebbe sfatare questo tabù adesso, con la maglia dell’Ecosantagata”.

Secondo il capitano, il Molfetta è una squadra che fa della tecnica il suo cavallo di battaglia. “Hanno giocatori molto esperti e di altissimo livello per questa categoria – spiega -. Sbagliano poco, forse sono leggermente migliori di noi in battuta e ricezione, mentre noi siamo superiori sul piano fisico, cioè a muro e in attacco. Mi piacerebbe che fosse una vittoria agevole per noi, ma onestamente penso che sarà una battaglia equilibratissima”.

E anche nel caso in cui dovesse arrivare una sconfitta, Buzzelli non farebbe drammi. “Sicuramente non perdiamo energie fisiche, perché il campionato in questi due weekend è fermo proprio per dare spazio alla coppa. E non penso che ci saranno ripercussioni nemmeno sul piano mentale: anche se non dovesse arrivare la vittoria, questa partita è un’ottima occasione per prendere le misure a un’avversaria di alto livello che potremmo incontrare ai playoff. Io le sconfitte le ho sempre viste come un momento di crescita. Fermo restando che, ovviamente, domani voglio vincere”.