Stefano Stefanini

NewTuscia – ORTE – Presso il Centro Sociale  di Petignano ad Orte è stato organizzato un appuntamento in cui sono state declamate alcune poesie dialettali da Lucian Rossi, Letizia Tossali e Vincenzo Cherubini, delle vere e proprie perle ortane.

L’appuntamento è stato istituito dall’Unpli Unione nazionale delle Pro Loco d’Italua per sottolineare, tutelare e valorizzare il patrimonio linguistico e culturale rappresentato dai dialetti e dalle lingue locali, in armonia con le direttive dell’UNESCO presso cui Unpli è accreditata dal 2012, nell’ambito della Convenzione per la salvaguardia dei patrimoni culturali immateriali.

Il 17 gennaio di ogni anno le associazioni culturali  vengono invitate ad inserire nelle loro manifestazioni uno spazio anche piccolo che ricordi l’importanza delle lingue e dei dialetti locali. Durante il mese di gennaio, ma ormai anche durante tutto l’anno, si susseguono eventi in centinaia di località italiane che aderiscono all’iniziativa.

Moltissime realtà culturali  (biblioteche, centri di lettura, enti, scuole, università, ecc…) che si adoperano per la tutela e salvaguardia di questi patrimoni linguistici, aderiscono a questa iniziativa.

Presentazione di studi e ricerche sul territorio, come avviene ad Orte, rappresentazioni teatrali, letture pubbliche di poesia o proverbi, giochi di strada, presentazione di manifestazioni in italiano e in dialetto. Queste sono solo alcuni spunti, occorre diffondere lo spirito della Giornata e  sensibilizzare le comunità sull’importanza di tutelare saperi che rischiano di scomparire  nel giro di pochi anni.

Ad Orte hanno aderito alla Giornata Pro Loco Orte, Ente Ottava Medievale il Comitato Classe 1982, il Orte Comune di Orte Informa, Orte Sotterranea, Comitato Borgo San Lorenzo Orte,  The Grove,  Associazione Le Grazie Orte, I Fiori sul Tufo Orte.