NewTuscia – CANEPINA – Torna la tradizionale Festa di Sant’Antonio abate a Canepina dopo due anni di stop a causa della pandemia, un Santo a cui il popolo canepinese è devoto da secoli.

La festa inizia tre giorni prima con il Triduo di preparazione nella chiesa della Madonna del Fossitello (meglio conosciuta come Chiesa di San Michele). In questi giorni è stata distribuita, casa per casa, “la tradizionale ciambella di S. Antonio”. Il 16 Gennaio alle 18:00 sarà acceso il tradizionale “Fuoco di Sant’Antonio” organizzato dalla Pro-Loco segue la tradizionale cena presso la cantina di S. Corona organizzata dal Comitato festeggiamenti S. Corona 2022/2023 a base di specialità locali.

Il 17 Gennaio, festa del Santo, alle ore 7:30 verrà celebrata la S. Messa, soprannominata “Messa degli uomini”. I momenti cardine della giornata sono la S. Messa alle 9:30, animata dal Coro parrocchiale, con l’arrivo dell’ antica statuetta ospitata durante l’anno dal suo custode che viene rinnovato ogni anno. La S. Messa sarà presieduta dal Fra’ Benedetto della Comunità Mariana delle Cinque pietre di Vitorchiano. Al termine il parroco presenterà la nuova famiglia che sarà “custode ” della statuetta e durante l’anno organizzerà momenti di preghiera. Dopo la S. Messa la festa continua con l’uscita della statua grande sul sagrato, la benedizione agli animali e con i tradizionali 3 “giri” della statuetta per il paese su un camion addobbato di rosso e accompagnato dai cavalieri a cavallo.