NewTuscia/Umbria – PENNA In TEVERINA – Un 71enne di origini romane costretto a restare agli arresti domiciliari, presso il proprio domicilio, sito a Penna In Teverina, è stato sorpreso per ben due volte lontano dal luogo dove si trovava a scontare la pena dallo scorso di Novembre, su disposizione del Tribunale di Roma.

L’uomo, è stato sorpreso il giorno di Natale, dai Carabinieri della Stazione di Giove, e dal Nucleo Operativo Radiomobile di Amelia addirittura presso un ristorante vicino la sua abitazione, dove stava pranzando insieme ai suo familiari ed amici.

In seguito a questa evasione, ieri, i Carabinieri del Comando Stazione di Giove, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta dalla Procura della Repubblica capitolina. Per compiere le commissioni di ordinaria quotidianità, l’uomo poteva uscire dalla propria abitazione per 2 ore durante l’arco della giornata.

Visto il comportamento trasgressivo dell’uomo, il Giudice, su richiesta dei Carabinieri della Stazione di Giove avanzata alla Procura romana, ha disposto la revoca degli arresti domiciliari e la sostituzione della misura con la custodia cautelare in carcere. L’indagato, sul cui conto vige il principio di presunzione di innocenza, è stato quindi condotto presso la Casa Circondariale di Terni.