NewTuscia – I materiali di cui sono fatte le piastrelle non sono tutti uguali. Per questo alcune pavimentazioni risultano più adatte e performanti di altre se installate in determinati ambienti. È il caso degli uffici, spazi che generalmente sono soggetti a un alto calpestio dovuto alla forte affluenza di lavoratori e clienti. Proprio per le esigenze di questi ambienti quindi, alcuni pavimenti sono risultati più durevoli nel tempo: stiamo parlando di materiali come il laminato, il gres porcellanato o la gomma. Ecco allora riassunte tutte le caratteristiche e le informazioni di questi pavimenti per uffici.

Caratteristiche, prezzi e manutenzione del pavimento laminato

Il laminato è un pavimento composto da diversi strati fatti di legno, resine, da un decoro e poi da uno strato impermeabile che sigilla gli strati sottostanti per evitarne l’usura. Proprio per la sua stratificazione, il laminato, risulta un pavimento molto resistente e in più, in base alla pellicola che lo ricopre, può presentare un grado di abrasione più o meno alto.

Le piastrelle in laminato infatti generalmente presentano dei numeri e dei simboli che aiutano a identificare le tipologie più adatte alle abitazioni e quelle pensate per le attività commerciali e gli uffici. I numeri da 21 a 23 indicano che quelle piastrelle hanno un grado di resistenza al calpestio indicato per un ambiente domestico mentre quelli dal 31 al 34 sono relativi a una pavimentazione adatta ad un uso aziendale.

Altra caratteristica da valutare prima di acquistare un pavimento per uffici laminato è l’indice di abrasione espresso con la sigla AC seguita da un numero da 1 a 6. Più alto è il numero più il pavimento avrà una maggiore resistenza a urti e graffi, un valore da non sottovalutare in un ambiente lavorativo.

Anche la scelta al livello di colori è molto ampia. Il laminato infatti riproduce un effetto legno quindi è ormai disponibile in tutte le sfumature del marrone ma anche del grigio e del bianco. Per quanto riguarda il prezzo invece il range al mq va da poco meno di 10 euro fino a una cinquantina. I costi sono quindi contenuti anche se si tratta di rivestire una superficie ampia come quella di uffici e aziende.

La manutenzione del laminato anche richiede poche accortezze. Si può verificare sulle caratteristiche del prodotto se la casa produttrice consiglia alcuni detergenti specifici altrimenti dei comuni detersivi per pavimenti sono sufficienti a tenere pulito questo pavimento.

Pavimenti per uffici in gres porcellanato: una soluzione durevole, resistente ed economica

 

Il gres porcellanato è un pavimento sempre più scelto sia per le pavimentazioni delle attività commerciali sia per le abitazioni. Il successo di questo materiale è dovuto ai suoi numerosi pregi che lo rendono adatto a quasi tutte le destinazione d’uso. Il gres porcellanato è un materiale composto da un mix di minerali e argille che insieme formano delle piastrelle molto resistenti nella resa e versatili al livello estetico. Al livello di durevolezza nel tempo infatti, risultano quasi un investimento perché difficilmente i pavimenti in gres tendono a scheggiarsi o rovinarsi.

Infatti, anche le piastrelle in gres porcellanato hanno una lavorazione che le rende resistenti agli urti così che alla caduta di oggetti o alla forte affluenza di persone non si graffino o spezzino. In più possono avere una superficie antiscivolo che le rende ancora più sicure all’interno degli ambienti di lavoro. La lettera che esprime il grado di antiscivolo di un pavimento in gres per uffici è la R seguita poi da un numero. Le piastrelle più indicate ad un uso aziendale presentano un grado di antiscivolo R11, R12 o R13. Questi pavimenti presentano quindi un’aderenza maggiore al camminamento prevenendo eventuali cadute.

Tutti i vantaggi del gres però non vanno a discapito del fattore estetico perché le case produttrici di gres porcellanato sono state in grado di riprodurre migliaia di finiture, colori ed effetti. Per gli uffici solitamente le tipologie più scelte sono le piastrelle effetto cemento, effetto resina ma anche effetto legno disponibili in moltissime tonalità di colore e finiture. La finitura lucida però è l’unica poco raccomandata tra le opzioni di pavimenti da ufficio perché meno resistente agli urti.

Per quanto riguarda invece la pulizia, anche per il gres porcellanato vanno utilizzati dei prodotti specifici solo nel caso in cui il produttore delle piastrelle ne segnali l’esigenza altrimenti la pulizia ordinaria si può effettuare con dei classici detergenti da pavimento preferibilmente disinfettanti e non aggressivi.

Nonostante tutte queste caratteristiche positive però, il gres è un materiale che mantiene comunque dei costi contenuti. Si parte infatti dagli 8 euro al mq, un prezzo accessibile che permette alle aziende di contenere i costi legati alla pavimentazione di uno spazio lavorativo.

Una valida alternativa alle piastrelle con i pavimenti in gomma

Una soluzione alternativa a quella delle piastrelle è di sicuro quella delle pavimentazioni in gomma. Non si tratta di piastrelle ma di rotoli di pavimentazione che vengono poi installati facilmente. Questa tipologia di pavimento viene solitamente scelta in spazi molto ampi che richiedono di coprire delle grandi superfici. Anche per i pavimenti in gomma i vantaggi sono molteplici. Vediamo quali:

  • resistenza a usura e urti
  • superficie antiscivolo
  • capacità anti macchia
  • assorbono le vibrazioni
  • facilmente lavabili
  • facilità di installazione e rimozione

Anche in questo caso i costi non sono elevati e partono da circa 15 euro al mq. In più, le colorazioni sono molteplici e si possono adattare a qualsiasi tipologia di spazio lavorativo.

Le opzioni per le pavimentazioni di uffici sono quindi molteplici e ognuna rappresenta una valida soluzione per installare un pavimento duraturo e resistente.