Gli aumenti della benzina, del gas e delle rate dei mutui diminuiscono gli acquisti di ogni famiglia

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. L’ avvento dei saldi per i consumatori è l’occasione per rifarsi il guardaroba o per fare gli acquisti a prezzi  ben scontati, ma l’ inizio del  nuovo anno  ci ha portato subito gli aumenti della  benzina, delle autostrade, del gas,dei trasporti e del tasso dei mutui.

Il gas aumenterà più del 20%, le autostrade del 2%, i biglietti di tram e bus del 10%(a Milano e altre città), a benzina di 12 centesimi al litro. Veramente un bel salasso.

Per cui le famiglie,già provate dalla crisi dovuta prima al Covid  poi alla Guerra,  negli anni 2021 e 2023 e dagli aumenti di tutti i generi, sia alimentari che non, nel 2023 spenderanno meno mediamente del 3% rispetto al 2022 e solo un terzo degli italiani lo farà.

Si stima che in media si spenderanno dalle 133 alle 200 euro a persona.

Di conseguenza anche per i commercianti rimasti aperti (oltre 110.00 hanno chiuso nel primo trimestre, in Italia) che speravano di rifarsi dei mancati introiti degli anni precedenti e di rientrare degli alti costi energetici,non sembrano profilarsi buoni guadagni.

L’ associazione Adoc, da sempre al fianco dei consumatori, ha stilato un decalogo di principi per i buoni saldi che ha reso noto sui mass media ed effettuerà un volantinaggio di fronte ai più  importanti centri commerciali in tutt’Italia.

 Il Presidente Mauro Belli

Il Vice Presidente Aldo Bellocchi

ARRIVANO I SALDI….OCCASIONI DA NON PERDERE, VERE O NO?

E’ la domanda che ci accompagna ogni anno ad inizio saldi. ADOC ha deciso di essere vicina ai consumatori allestendo in tutta Italia una serie di punti di informazione in cui sarà consegnato un volantino con le cautele da tenere e le regole da osservare per fare acquisti sicuri e cogliere davvero le buone occasioni.

IL DECALOGO SALDI ADOC E CON QUESTI CONSIGLI….BUONI SALDI

Il venditore è tenuto a sostituire l’articolo difettoso, lo sconto applicato non incide e non elimina questo diritto del consumatore nei limiti della legge.

La prova dei capi di abbigliamento è lasciata alla discrezionalità del venditore, le regole sono le stesse tutto l’anno. Valutate quindi se scegliere un negozio che offre questa possibilità invece di un negozio che non la concede.

Il venditore deve esporre un cartellino con l’indicazione in euro del prezzo iniziale, di quello finale e della percentuale di sconto applicato, così è chiaro lo sconto effettivamente applicato.

Attenzione ai prezzi troppo bassi. E’ buona regola non fidarsi di sconti eccessivi, potrebbero nascondere prodotti difettati oppure i c.d. fondi di magazzino.

Prima di acquistare un prodotto controllate i prezzi esposti anche visitando più negozi. Un acquisto attento presuppone il giusto tempo per scegliere e per verificare l’effettiva convenienza.

Decidete l’acquisto in base ad esigenze concrete. E’ importante non fare acquisti inutili mossi solo dalla convenienza del prezzo. Decidiamo di acquistare ciò che effettivamente è utile o serve oltre che conveniente.

Utilizzate i negozi di fiducia dove è possibile acquistare prodotti già visti in vendita e magari anche già adocchiati a prezzo pieno. Così possiamo essere sicuri che gli acquisti fatti siano saldi D.O.C.

Controllate anche l’etichetta del prodotto, non solo il prezzo. E’ importante sapere cosa si compra, conoscere le caratteristiche e la qualità dei prodotti verificando anche se vi sono marchi di qualità e di sostenibilità ambientale e sociale. Acquistiamo con un occhio al prezzo ed un altro alla qualità e sostenibilità dei prodotti.

E’ possibile effettuare i pagamenti sia in contanti che utilizzando carte di credito e bancomat se il punto vendita è convenzionato. In questo caso, tranne che per oggettiva impossibilità, il commerciante non può rifiutare di accettare questi strumenti di pagamento.

E’ importante decidere la somma che possiamo spendere, ricordiamo sempre che le spese devono essere proporzionate alle nostre entrate. Non c’è “affare” nelle spese fuori controllo, impariamo a fare i conti con il nostro bilancio prima di effettuare ogni acquisto.