NewTuscia – MONTALTO DI CASTRO – Riceviamo e pubblichiamo. È tempo di regali! E il Sindaco Socciarelli rinuncia alle sanzioni dei fotovoltaici e aumenta le tasse del servizio idrico.

Luca Benni

Facciamo ordine. Nel Consiglio Comunale del 30 novembre sono successe tante cose. Ecco i punti importanti.

Sono state approvate le modifiche alla convenzione sugli impianti fotovoltaici. O meglio: è stata approvata la vecchia convenzione con qualche piccola modifica. E di questo sono contento perché certifica il buon lavoro da me svolto come assessore competente della vecchia amministrazione. L’assessore Fedele mi riconosce lealmente l’ottimo lavoro fatto, che ha portato a buoni rapporti con le imprese, grande disponibilità a opere compensative per la cittadinanza e a opportunità di lavoro e formazione. Anzi proprio sulla formazione si sofferma, volendo continuare nella direzione della creazione di una scuola di formazione. Ottimo! Era una mia idea e la trovavate appunto nel programma elettorale.

L’amministrazione ha poi presentato un progetto sulla video sorveglianza, prendendo lo stesso progetto presentato nel 2020 e a cui ho lavorato come vicesindaco e assessore alla sicurezza della vecchia amministrazione. Bene!

Non solo! Sembra ripetitivo, ma anche nella sezione progetti per la conoscenza del territorio l’amministrazione mette in campo il progetto “Into the blue”, del FLAG Lazio, ottenuto dalla vecchia amministrazione e nello specifico grazie al mio lavoro da assessore all’ambiente: 60 mila euro per il territorio. Molto bene!

Peccato che le buone notizie finiscano qui.

Siamo alla 12esima variazione di bilancio da giugno e ieri sono state accertate 800 mila euro di maggiori entrate ma la cantilena è sempre la stessa: non ci sono i soldi. Non ci sono i soldi perché non sapete spenderli e perché non vigilate attentamente sugli impianti fotovoltaici. Si, perché a quanto pare non è una priorità dell’amministrazione quella di vigilare sulla corretta esecuzione degli accordi con le imprese dei fotovoltaici! 400 mila euro in meno previsti perché non è la priorità. Se lo dite voi… Per la cronaca: nemmeno un euro di questo scostamento andrà alle associazioni, allo sport e al sociale come nemmeno un centesimo andrà alle politiche giovanili e alla scuola. Per la scuola abbiamo lo yoga e non l’inglese. Quando si dice priorità, loro le hanno chiare.

Ma ecco il regalo di Natale! Prepariamoci a bollette per l’acqua maggiorate! Sui giornali si leggono notizie preoccupanti e cosa fa il nostro Sindaco dal cuore d’oro? Vota a favore a un aumento delle bollette del 12,5%! Sarebbe bene spiegarla questa perché proprio non la capisco. Il Sindaco dice che lo fa per salvare i lavoratori e l’azienda Talete, ma si ricordi che lo fa con i soldi dei contribuenti del suo Comune. Dirà che il mio è populismo, lo so. Ma essere contrari alla fallimentare gestione di Talete non è populismo, ma realismo. Le passate gestioni di Talete hanno portato a una situazione finanziaria preoccupante e questa azienda non può essere risanata a spesa dei cittadini di Montalto e Pescia.

Luca Benni, Consigliere Comunale di Montalto di Castro e Pescia Romana.