Bruno Trentin e l’Europa in un mondo che cambia. Percorsi di ricerca in prospettiva transnazionale (1988-2007)

 Complesso Santa Maria in Gradi – Aula Magna. Ore 9,30 – 18,00

NewTuscia – VITERBO – Si terrà domani presso l’aula magna del complesso universitario di Santa Maria in Gradi il convegno di studi Bruno Trentin e l’Europa in un mondo che cambia. Percorsi di ricerca in prospettiva transnazionale (1988-2007), organizzato dal Centro Studi Europei e Internazionali (CSEI), il Punto “Missione Europa” e dal corso di Laurea in «Scienze politiche e delle relazioni internazionali» (SPRI) del Dipartimento di Economia, Ingegneria, Società e Impresa (DEIM) dell’ Università degli Studi della Tuscia in sinergia con SPI – CGIL Nazionale, l’Alta Scuola SPI-CGIL “Luciano Lama”, e in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio (FDV), nell’ambito di un progetto di ricerca dedicato al ruolo di europeo di Trentin.

Il seminario, che si svolgerà in presenza e online – per consentire maggiore partecipazione anche a distanza – si pone l’obiettivo di rilanciare una nuova stagione di studi sull’opera politica e intellettuale di Bruno Trentin, con particolare attenzione alla dimensione europea e transnazionale.

Nella prima parte, Bruno Trentin e l’Europa in prospettiva transnazionale, si colloca il rapporto tra Stati Uniti e Europa, che attraversa la sua biografia politica e rinvia a solide reti intellettuali in funzione di politiche riformatrici tra le due sponde dell’Atlantico. Coordinati da Maurizio Ridolfi (Un. della Tuscia – Presidente CSEI), partecipano alla prima sessione studiosi provenienti da vari atenei italiani: Maria Paola Del Rossi (Un. della Tuscia), Maria Eleonora Guasconi (Un. di Genova), Paolo Borioni (Un. La Sapienza), Giovanni Mari (Un. di Firenze), Antonio Cantaro (Un. di Urbino).

La seconda parte della giornata di studi è dedicata a Percorsi di ricerca tra storia, memoria e comunicazione e si propone di mettere in circuito la comunicazione politica e istituzionale di Trentin, le testimonianze di dirigenti sindacali che hanno condiviso l’impegno per il rafforzamento della Confederazione Europea dei Sindacati (CES), la documentazione conservata presso l’Archivio storico della CGIL. Partecipano Nadia Urbinati (Columbia University), Giorgio Benvenuto (già segretario UIL, Fondazione Buozzi), Walter Cerfeda (già segretario confederale CGIL e membro CES), Grazia Pia Attolini, (Un. della Tuscia) e Ilaria Romeo, (Archivio Storico Cgil Nazionale), coordinati da Giuseppe Mennella (Direttore LiberEtà SPI CGIL).

Chiude l’iniziativa una tavola rotonda sulla nuova edizione del volume La Libertà viene prima. La Libertà come posta in gioco nel conflitto sociale, con pagine inedite dei diari e altri scritti, allo scopo di porre le basi per una ricerca complessiva sull’intera biografia di Trentin, a partire dai quaderni di lavoro ancora inediti.

Info: https://centrostudicsei.wordpress.com/