Beni immobili. Presentato stamattina alla stampa dalla presidente Pernazza e dal consigliere Armillei l’avviso pubblico che punta su Globus Tenda, polo sportivo-scolastico di Ciconia, ex fonderia didattica dell’Itt e Rocca Albornoz di Piediluco. Nel programma anche i collegamenti viari sempre a Piediluco. Disponibili in totale 500mila euro

NewTuscia – TERNI – Valorizzare il patrimonio della Provincia puntando sulla riqualificazione, il restauro e la rifunzionalizzazione dei beni immobili e migliorare alcune direttrici viarie strategiche per il territorio. E’ l’obiettivo dell’avviso pubblico della Provincia che mette a disposizione 500mila euro stanziati dall’Agenzia per la coesione territoriale al fine di creare un parco progetti da realizzare successivamente con fondi Pnrr. Ad illustrare le finalità dell’iniziativa sono stati stamattina in conferenza stampa in sala del Consiglio la presidente Laura Pernazza e il consigliere delegato alle opere pubbliche e viarie Sergio Armillei.

“I concorsi di progettazione – ha detto la presidente – riguardano molte aree del territorio provinciale, da Terni a Orvieto, fino a Piediluco”. Si va dal recupero dell’ex Globus Tenda di Viale Trieste a Terni, al completamento delle strutture scolastiche e sportive di Ciconia di Orvieto, dal collegamento ex SS 79-svincolo di Piediluco della SS 79 bis Terni-Rieti, al riutilizzo dell’ex fonderia didattica dell’Itt di Terni, fino al restauro e alla rifunzionalizzazione della Rocca Albornoz di Piediluco.

“Un vasto programma di interventi che vuole valorizzare questi beni stimolando i professionisti privati a progettare il loro recupero e la loro riqualificazione”, hanno sottolineato la presidente Pernazza e il consigliere Armillei i quali hanno anche ricordato che la valorizzazione di tutto il patrimonio della Provincia è una priorità del programma elettorale. “Abbiamo voluto impegnare i fondi disponibili su cinque siti – hanno spiegato presidente e consigliere – che, per tutta una serie di ragioni legate anche alle difficoltà vissute dalle Province, a partire dalla riforma Delrio, sono stati abbandonati.

Sono beni immobili di pregio che puntiamo a restituire alla disponibilità dei cittadini e anche degli studenti, in collaborazione con i Comuni”. Da questa iniziativa – ha poi sottolineato la presidente Pernazza – dovrà nascere una grande opportunità per il territorio creando un parco progetti da realizzare con il coinvolgimento anche delle attività private”.

Il presidente dell’ordine degli architetti di Terni, Stefano Cecere, presente alla conferenza stampa, ha espresso soddisfazione per l’iniziativa “che – ha affermato – si inserisce nel quadro della valorizzazione complessiva dei beni immobili del territorio ed offre anche interessanti opportunità per i giovani architetti”. L’avviso pubblico è stato prolungato dall’amministrazione provinciale di un altro mese per dare modo ai professionisti di sviluppare ulteriori progetti.