NewTuscia – VITERBO – Dopo diversi rinvii, si avvina la data della sentenza per gli imputati nel processo scaturito dall’operazione “Erostrato”. Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel, i due imprenditori viterbesi e l’operaio d’origine romena arrestati il 25 gennaio 2019 nel blitz dei carabinieri insieme ad altre 10 persone, sono accusati di estorsione con metodo mafioso.

Il 4 febbraio il pm antimafia della Dda di Roma Fabrizio Tucci ha chiesto 7 anni e mezzo di reclusione per Erasmi e Pecci e 9 anni e nove mesi per Pavel.

La discussione del processo, iniziato il 9 marzo 2020, sarebbe dovuta avvenire il 25 giugno 2021, ma per diverse ragioni – un legittimo impedimento di uno dei tre giudici del collegio giudicante, poi un problema nella composizione dei tre giudici, e altre richieste di rinvio -, è slittata a oggi, 28 novembre 2022.

 

Ricordiamo che fino alla sentenza definitiva per la legge italiane vige la presunzione di innocenza.