NewTuscia – Analizzando il settore automobilistico, comprese le moto, è possibile notare come la direzione che si sta intraprendendo sia quella dei veicoli a zero emissioni. Tutti i produttori di auto e moto cercano delle valide alternative che risultino essere ecosostenibili a discapito dei motori a combustione.

L’importanza di ricercare e trovare queste alternative è da considerare nell’ottica della salvaguardia dell’ambiente oltre che della qualità dell’aria che respiriamo. Per questo motivo potreste scegliere uno dei tanti modelli presenti sul mercato delle moto elettriche e fare un regalo a voi stessi e all’ambiente, per un futuro migliore.

Le differenze principali

A discapito di quello che si possa pensare, le moto elettriche funzionano praticamente allo stesso modo di quelle classiche dotate di motore a scoppio. L’errore che viene spesso compiuto da chi desidera acquistare un mezzo nuovo è quello di considerare le moto elettriche meno veloci degli altri modelli, credendo di doversi arrendere e andare sempre a velocità sostenuta, non importa che strada si stia percorrendo. Ma non c’è niente di più sbagliato: esistono moto elettriche in grado di raggiungere anche i 300 km/h.

Q quali sono le differenze tra le moto elettriche e le moto a combustione?

Volendo analizzare nel dettaglio le due diverse tipologie di veicolo, il motore di una moto elettrica risulta essere più piccolo, com’è facile intuire, di un comune motore. Questa differenza nelle dimensioni è da ricercarsi nella mancata necessità, da parte di un motore elettrico, di possedere:

  • Un sistema di raffreddamento con acqua e olio
  • Un sistema di ingranaggi complesso
  • La camera di innesco aria/benzina
  • l’albero motore ed altre componenti a questo affini

Un motore elettrico è dotato solamente di una batteria che viene collegata al propulsore e alla trasmissione. Importante da sapere e da ricordare è che il motore elettrico presenta un’efficienza pari al 90% e che quindi solo una piccola percentuale di potenza viene persa, mentre il resto va tutto alla ruota posteriore. Lo stesso non possiamo dichiarare di un motore a benzina dove più della metà della potenza viene persa, con un’efficienza pari al 45%.
In questo modo, il motore in sé appare più leggero, ma la moto elettrica ha comunque un peso sostenuto dato anche dalla presenza delle varie batterie. La posizione del motore è la stessa delle moto classiche.

Vantaggi e svantaggi

Scegliere di acquistare una tra le molteplici moto elettriche sul mercato non è semplice, soprattutto se non si è a conoscenza dei vantaggi e degli svantaggi che questa scelta comporta.
Tra i vantaggi di una moto elettrica vi segnaliamo:

  • minori costi di manutenzione
  • pochissimi ingranaggi in movimento
  • poche parti meccaniche che possono andare incontro a danneggiamento
  • non necessita di radiatore
  • non necessita di un sistema di raffreddamento

Tra gli svantaggi di una moto elettrica segnalati da chi ne è già in possesso troviamo:

  • il maggior costo (bilanciato però dal minor costo della manutenzione)
  • il fatto che siano silenziose
  • l’assenza di cambio manuale

In merito alla batteria e alla loro qualità non è possibile fare un discorso univoco, dipenderà dal modello di moto elettrica da voi scelto.