NewTuscia – VITORCHIANO – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato inviatoci da Giovanni Faperdue e Gemini Ciancolini.

“I sottoscritti Giovanni Faperdue, scrittore e giornalista viterbese e Gemini Ciancolini, ex sindaco di Vitorchiano, rispettivamente Presidente e vice Presidente del nascente comitato “Basta semaforo Strada Acquabianca”, chiedono di essere ricevuti dal Presidente della Provincia Alessandro Romoli, prima di dare vita a nuove,  varie e incisive forme di protesta, per la situazione incancrenita, in cui versa il traffico su Strada Acquabianca.

Infatti, il perdurare da più di tre anni di un grave impedimento alla libera circolazione su Strada Acquabianca, dove lungaggini burocratiche e legali, impediscono il ripristino delle condizioni regolari di viabilità, devono trovare una sollecita soluzione.

I sopradetti cittadini vogliono suggerire al Presidente della Provincia soluzioni alternative, che consentano un ripristino provvisorio ma immediato della circolazione a doppio senso, e aprano finalmente questa “gabbia” che costringe ogni giorno migliaia di cittadini, a sopportare una penitenza che non ha più motivi di perdurare.”