NewTuscia – VITERBO – La forte scossa di terremoto che ha colpito il centro Italia alle 7.07 di questa mattina è stata avvertita anche nella Tuscia, nel Reatino, a Firenze e nel Trentino. I primi rilevamenti classificherebbero la scossa al magnitudo 5,7, con epicentro nel mare a una profondità di 8 chilometri davanti a Pesaro.

Molte persone spaventate, sono scese in strada, anche perchè poi ala prima sono seguite una serie di scosse, una ventina, tra 3,1 e 4,1 fino alle 7.40 del mattino.

Per precauzione il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, ha disposto la chiusura di tutte le scuole, di ogni ordine e grado; la stessa cosa anche ad Ancona, dove sono stati sospesi anche università e centri diurni per anziani e disabili, così come il traffico ferroviario fino alle verifiche tecniche.

Tecnici impegnati nelle verifiche anche tra Rimini e Varano e Falconara Marittima e Jesi.

Le onde sismiche sono state avvertite anche nel Viterbese e a Roma, soprattutto ai piani più alti. Non risulterebbero danni.