NewTuscia – ROMA – I racconti inediti di Fulvio Abbate, Giulia Carcasi, Antonio Pascale e Lidia Ravera, insieme alle interviste ai campioni dello sport Simona Quadarella, Antonella Palmisano, Caterina Banti, Ambra Sabatini e Daniele Lupo, arricchiscono il volume che esplora i cammini e i sentieri di Roma e del Lazio. In edicola a partire da giovedì 10 novembre. Dai vicoli dei rioni capitolini alle montagne della Sabina, dalle coste del Pontino alle vallate ciociare, fino ai borghi della Tuscia e ai paesaggi dei Castelli Romani: la nuova Guida di Repubblica ‘Lazio – Cammini e sentieri’ è il volume che, in oltre 380 pagine, conduce i lettori lungo 43 percorsi da scoprire a piedi, camminando a Roma e nelle cinque province del Lazio, tra storia e natura, spaziando tra emozionanti traversate per escursionisti esperti e itinerari turistici per principianti. Quattro preziosi racconti d’autore aprono il volume: Fulvio Abbate disegna un itinerario urbano tra i fortini del Gianicolo; Giulia Carcasi scrive del borgo fantasma di Monterano, nel Viterbese; Antonio Pascale esplora le sette ville della città di Roma; Lidia Ravera ambienta il suo scritto lungo la via Francigena.
Cinque grandi protagonisti dello sport italiano sono al centro del capitolo degli itinerari d’autore, interviste inedite in cui suggeriscono le loro passeggiate del cuore. Ecco allora le camminate all’ombra di Castel Sant’Angelo della nuotatrice Simona Quadarella, gli allenamenti al Colosseo Quadrato della marciatrice Antonella Palmisano, gli itinerari tra i viali di Villa Borghese della velista Caterina Banti, gli scorci di Castel Porziano raccontati dalla campionessa paralimpica Ambra Sabatini, i ricordi di Fregene del campione di beach volley Daniele Lupo.
Un capitolo ad hoc ripercorre poi, tappa per tappa, i sette cammini del Lazio, precisandone le specificità tecniche e raccontandone le bellezze archeologiche e paesaggistiche: la via Francigena del Nord, la via Francigena del Sud, il cammino di Benedetto, il cammino di Francesco, il cammino naturale dei Parchi, la via Amerina, il cammino delle Terre Mutate, insieme a un focus sul progetto regionale ‘Arte sui cammini’.
La Guida poi conduce i lettori lungo 36 sentieri tra le cinque province del Lazio. A Roma allora si va alla scoperta, ad esempio, della riserva di Monte Mario, di Villa Ada e del ‘percorso dei due fiumi’, tra Aniene e Tevere; in provincia di Roma si cammina, tra gli altri, lungo l’anello del Treja e l’anello di Monte Gennaro; in Ciociaria ecco i percorsi che toccano la certosa di Trisulti e l’abbazia di Montecassino; nel Pontino si sale inoltre in cima al monte Circeo o si esplorano il lago di Fondi e l’isola di Ponza; in Sabina i sentieri conducono anche sul monte Giano e nella Valle di Selva Grande; mentre nella Tuscia è protagonista il sentiero nella faggeta monumentale del monte Cimino, patrimonio Unesco.
«Scoprire il mondo a piedi ormai è diventato quasi uno stile di vita.

Provate a immaginare che significa la modalità cammini applicata nel Lazio. Provate a pensare che valore aggiunto possono avere tutte le bellezze che ci circondano, cosa significa sfiorare e immergersi in secoli di storia passo dopo passo, guardando i resti della sempre presente civiltà romana, toccando con mano il Rinascimento, il Medioevo, i palazzi che hanno fatto la storia d’Italia, i giardini pubblici. E poi uscendo da Roma, attraversando i borghi, ammirando i fiumi o i laghi. Su sentieri di campagna e di montagna, oppure itinerari che costeggiano il mare e le rive del Lazio», scrive il direttore delle Guide di Repubblica, Giuseppe Cerasa, nella sua introduzione al volume; mentre il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, nella sua prefazione, aggiunge: «La Guida di Repubblica ci accompagna in un affascinante viaggio anche grazie alla voce di autori prestigiosi e testimonial sportivi d’eccezione. Si disvela così una regione varia e aperta a tutti, che forme di turismo rispettoso dell’ambiente possono contribuire a cambiare positivamente, rendendo più fruibili i territori, la bellezza dei paesaggi, i prodotti e le tradizioni, rafforzando l’economia e creando lavoro e benessere diffuso».
La Guida non rinuncia alla sua vocazione enogastronomica, e allora ecco che il racconto di ogni territorio è arricchito dai consigli su dove mangiare, dove dormire e dove comprare, grazie alle schede che segnalano gli indirizzi d’eccellenza, per un totale di 476 ristoranti, pizzerie e luoghi del gusto e 130 b&b, hotel e dimore di charme. Nella Guida inoltre sono segnalati 159 indirizzi nuovi, rispetto all’edizione dello scorso anno. A chiudere il volume, il capitolo dedicato ai produttori di vino, con 32 aziende segnalate.

La Guida di Repubblica “Lazio – Cammini e sentieri” sarà disponibile in edicola (12,00 euro più il prezzo del quotidiano) e online sul nostro sito: Ilmioabbonamento.it dal 10 novembre e subito dopo in libreria e online su Amazon e Ibs.