NewTuscia – GRAFFIGNANO – “Siamo finalmente giunti al punto di svolta”. Questo il commento del consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi, dopo la pubblicazione in Gazzetta del piano d’azione per la bonifica dei siti orfani, che stanzia 13 milioni di euro per il risanamento dell’area contaminata in località Pascolaro, Cassettone e Bivio del Pellegrino, nel comune di Graffignano, vicino al fiume Tevere e al confine tra Lazio e Umbria. I fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) fanno seguito a quelli erogati dalla Regione Lazio per la caratterizzazione del sito, pari a circa 584mila euro, grazie all’impegno del vice presidente della X commissione. “Una vicenda molto complessa che seguo con grande attenzione fin dal mio primo mandato come consigliere regionale – prosegue Panunzi -. Dopo un sopralluogo effettuato nel luglio del 2016, mi sono attivamente impegnato perché la Regione Lazio mettesse a disposizione le risorse necessarie alla realizzazione del piano di caratterizzazione, redatto dall’Università degli Studi della Tuscia e accolto dalla Conferenza dei Servizi.

Enrico Panunzi

Furono quindi approvate una determina di 42mila euro per porre in essere tutte le procedure iniziali previste dal piano stesso, alla fine del 2016; e, nei primi mesi del 2017, una delibera che stanziava 542mila euro per realizzare uno studio approfondito indispensabile per capire quali rifiuti fossero stati interrati, le contaminazioni avvenute e gli inquinanti presenti. Infine questa bellissima notizia, che premia il proficuo rapporto di collaborazione instaurato a tutti i livelli istituzionali e che consentirà di risanare e riconsegnare nella sua completa integrità alla comunità di Graffignano un’area molto vasta. Al riguardo voglio ricordare il lavoro fatto dall’ex sindaco di Graffignano Anselmo Uzzoletti, che prese a cuore il problema, e proseguito con il primo cittadino Piero Rossi, nonché l’attenzione dimostrata dall’assessore regionale Massimiliano Valeriani”.