Chiara Salvatori

NewTuscia- PONTEDERA

È ufficiale: quella di oggi, 15 ottobre, è stata per la Tuscia l’ultima partita in “casa Mannucci” (distante 300 km…). Menichini e i suoi possono quindi, ora tirare un bel sospiro di sollievo e proiettare le loro energie unicamente in direzione prossimo match, quello in trasferta con la neopromossa Gelbison. L’entusiasmo delle nuove entrate tra i professionisti, si sa, non va mai sottovalutato, il favoloso Monterosi della stagione passata ne è sicuramente l’emblema. Il Giugliano oggi non ha di certo fatto sconti sul verde di Pontedera, tanto da riuscire a sottrarre, al minuto 80 (rete di Zullo), due punti dalle tasche ricolme biancorosse. Si conclude con un inaspettato pareggio (2-2) Monterosi-Giugliano.
La Partita
Tante assenze di peso in casa biancorossa, soprattutto in reparto offensivo con Rossi (squalificato per tre giornate) e bomber Costantino, causa problemi fisici. Assente anche l’esperto Borri in zona difensiva. Mister Menichini opta quindi per un insolito 3-5-2, probabilmente spinto dalle troppe indisponibilità. La porta è nuovamente affidata ad Alia. Il tris difensivo è Piroli-Tartaglia-Mbende. La densità a centrocampo la compongono invece Cancellieri, Parlati, Verde, Lipani e Di Paolantonio. Il duo offensivo è invece Satarpia-Carlini. Gli avversari, guidati dall’esperiente Di Napoli, si collocano sul campo a specchio (3-5-2). Sassi è in porta; Scanagatta-Zullo-Poziello ne sono il muro difensivo; Rondinella,Felippe,D’Alessio,Gladestony e De Rosa al centrocampo; la coppia d’attacco è Rizzo-Nocciolini.

Il portiere del Monterosi Tuscia Marco Alia

I primi minuti del match sono quasi il deja-vu dello scorso un po’ infausto. Di Paolantonio al 6’, ribatte sul tentativo di Carlini da fuori area mal riuscito, riuscendo a trovare la conclusione sperata. Il centrocampista biancorosso sblocca così il match, spiazzando il giovane Sassi (1-0). I primi minuti sono caratterizzati, quindi, da ritmi alti, dettati unicamente dalla squadra di casa. Dal 20’ in poi, però, il Giugliano “preme sull’acceleratore”, portando così il gioco ad un perfetto equilibrio. In termini di punteggio viene concretamente realizzato e reso evidente al 61’. Nella ripresa infatti, un cambio, quello del veterano ex Sampdoria Piovaccari, sposta il punteggio sull’ 1 a 1. Per merito, però, anche di un altro “big” di questa serie C, Nocciolini, che regala al compagno l’assist perfetto, costato caro ad Alia e ai suoi. La grandezza della Tuscia è sempre stata quella di sapersi riprendere, proprio da vera grande squadra quale è, nei minuti critici. È proprio Santarpia ad incaricarsi questa incombenza. Al minuto 70’, solo 9 minuti dopo, riesce, infatti, a siglare il gol del vantaggio. I biancorossi riescono, così a riacciuffare presto che subito i 3 punti pieni. Il sapore della vittoria si fa però presto amaro, al minuto 80. Il corner concesso dal direttore di gara, Andreano, ha un prezzo salatissimo per i padroni di casa, che non riescono ad ostacolare la testa pericolosa e fatale di Zullo. La sfera entra, spiazzando Alia. Il match si chiude con un non pronosticato pareggio, 2-2, tutto a favore delle Tigri del Giugliano.
Sicuramente è pesata l’assenza, anche in questo match, di un trascinatore e macchina da gol quale Costantino. La Tuscia può ambire a molto di più, il prossimo incontro è vicino tre giorni, tre proprio come i punti che il Monterosi dovrà conquistare per rendere orgoglioso il suo nuovo presidente Fusano.