NewTuscia – VITERBO –  É arrivata la condanna definitiva per il molestatore pakistano che circa tre anni fa, nella primavera del 2019, tentò di avvicinare quattro ragazze tra gli 8 e i 16 anni nel centro di Viterbo. L’uomo entrato in Italia nel 2017 con un permesso umanitario, poiché si era dichiarato perseguitato nel suo paese di origine, lavorava come bracciante nei terreni agricoli della Tuscia.

L’uomo incastrato dalle telecamere situate tra piazza della Rocca e San Faustino e dalle testimonianze delle vittime, è stato condannato in Cassazione a una pena di 5 anni e mezzo. Accusato di violenza sessuale aggravata, l’uomo aveva avvicinato le ragazze tentando di palpeggiarle e di spogliarle, trascinandole in vicoli nascosti.