NEWTUSCIA – Comprare casa rappresenta un impegno economico notevole, che si ripercuote spesso sul lungo periodo; ragion per cui, è indispensabile valutare attentamente ogni aspetto relativo alla compravendita, per tutelare i propri interessi e non dover affrontare problemi tecnici e amministrativi dopo aver formalizzato l’acquisto. Ogni potenziale acquirente, infatti, dovrebbe approntare una serie di verifiche preliminari, per accertarsi che l’immobile sia congruente, da ogni punto di vista, con la descrizione fornita dal venditore. Di seguito, vediamo quali sono i controlli e gli accertamenti che dovrebbero essere effettuati durante la fase di valutazione di acquisto di una casa.

Verificare l’identità del proprietario

Per quanto possa sembrare banale, la prima cosa da fare quando si vuole comprare casa è l’accertamento del proprietario. Questa verifica va effettuata a prescindere dall’intermediario (privato o agenzia), dal momento che non di rado l’immobile può essere di proprietà di due o più soggetti (coniugi, eredi etc.), e ciò rappresenta una variabile significativa per il successivo sviluppo delle contrattazioni e l’eventuale espletamento delle pratiche burocratiche. Ma come verificare, in pratica, l’identità del proprietario di un immobile? È sufficiente richiedere, all’Agenzia delle Entrate oppure ad un portale come Ivisura.it, una visura catastale; si tratta di una semplice procedura di estrapolazione dei dati inerenti all’immobile registrati presso gli archivi del Catasto. Sul documento tecnico risultante dalla visura vengono indicati, oltre agli estremi catastali che identificano il bene, anche i dati anagrafici del proprietario (o dei proprietari). Questo tipo di informazione rappresenta il presupposto imprescindibile sul quale basare le successive valutazioni in merito all’eventuale acquisto di una casa.

Visura delle ipoteche e dei vincoli

Altro aspetto di importanza cruciale nell’ambito di una compravendita immobiliare è la verifica di eventuali ipoteche o vincoli che gravano sulla casa. Per effettuare questo tipo di controllo, è necessario richiedere una visura ipotecaria o ipocatastale, rivolgendosi anche in tal caso all’Agenzia delle Entrate oppure ad un sito specializzato che offra questo tipo di servizio. All’interno della visura sono riportate le varie formalità relative ad un determinato immobile: trascrizioni, iscrizioni e annotazioni. Come si legge sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate, “mediante l’ispezione delle trascrizioni è possibile visionare anche quelle relative ad atti di costituzione di vincoli di vario genere (pignoramenti, sequestri, domande giudiziali)”. Alla voce “iscrizioni”, invece, figurano le “formalità relative alla costituzione di ipoteche su immobili derivanti, per esempio, da contratti di finanziamento”.

Controllo della documentazione urbanistica

Verificare la conformità urbanistica dell’immobile è un altro dei passaggi che rientrano nei controlli preliminari da attuare prima di procedere all’acquisto. Nello specifico, il potenziale acquirente deve accertarsi se per la casa che intende comprare sono stati rilasciati regolarmente il certificato di agibilità e il permesso per costruire, soprattutto se l’immobile non è di recente costruzione e sono previsti interventi di ristrutturazione o ampliamento dopo la formalizzazione della compravendita. In tal caso, bisogna verificare anche che tutti i locali e le pertinenze siano correttamente accatastati e che lo stato reale dell’immobile coincida con quello giuridico catastale.

Valutazione delle condizioni dell’edificio

Le visite e i sopralluoghi che, solitamente, accompagnano la primissima fase di valutazione offrono la possibilità di visionare solo superficialmente la casa; l’interessato può farsi un’idea della distribuzione interna dei volumi, l’estensione di terrazzi, balconi e giardini, la collocazione del box auto e altre prerogative strutturali. In vista di un potenziale acquisto, o di una semplice proposta, sarebbe opportuno interpellare un tecnico o un ingegnere per stimare l’integrità delle opere murarie e delle coperture, nonché l’obsolescenza degli impianti.

Questo tipo di valutazione si associa a quella, di carattere più generale, relativa al mercato di riferimento; in altre parole, è bene capire se il prezzo richiesto sia in linea con quelli di altre case in vendita nella stessa zona e nelle stesse condizioni.