NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo. Lo sviluppo sinergico dell’Etruria meridionale è fondamentale per dare al territorio una nuova vocazione che non sia più totalmente dipendente dai grandi insediamenti energetici che hanno caratterizzato gli ultimi decenni. Se ne parla da anni, e per questo oggi abbiamo approvato in aula un’importante proposta di legge, stanziando al contempo 2,7 milioni di euro, per favorire l’adozione di interventi settoriali ed intersettoriali in un territorio vasto e variegato quale è quello che si estende nell’Alto Lazio partendo dalla provincia di Viterbo, passando da Civitavecchia e dal suo porto, dai Monti della Tolfa, dal lago di Bracciano e fino ad arrivare all’aeroporto di Fiumicino.

Si tratta di un’area che ha al suo interno numerose peculiarità da valorizzare e da rendere fruibili al comparto turistico, quanto mai vivo anche grazie al crocierismo che caratterizza il porto di Civitavecchia. 

Grazie a questa proposta di legge e ad una rinnovata sinergia fra Regione Lazio e Comuni coinvolti si potrà intervenire in diversi ambiti: sulla valorizzazione ambientale e naturalistica, sulla realizzazione delle opere, sulla tutela del territorio, sul miglioramento delle infrastrutture, sulla valorizzazione del patrimonio agroalimentare, sul potenziamento dell’offerta turistica.
Ho votato con convinzione in maniera favorevole a questa proposta di legge, convinto che sia un primo ma importante passo per uno sviluppo ecosostenibile di un territorio, il nostro, pieno di potenzialità ma ancora in buona parte inespresse.

Lo dichiara Devid Porrello, Consigliere M5S Lazio e Vicepresidente del Consiglio Regionale