NewTuscia – ROMA – “Si sono avviati oggi, e dureranno circa 12 mesi, i lavori per la realizzazione della Ciclovia delle Valli nel territorio della Valle dell’Aniene. Con un investimento complessivo di € 1.300.000,00, il progetto nasce dalla collaborazione tra il Municipio III di Roma Capitale, quale ente promotore, e la Regione Lazio, quale soggetto finanziatore, e vede Astral spa quale soggetto attuatore individuato dalla Regione stessa. Tale azione si inserisce, infatti, all’interno degli interventi finanziati, in base alla Legge Regionale n. 11/2017, per la realizzazione di piste ciclabili al fine di favorire la mobilità nuova. 

Il quadrante del Municipio III interessato si sviluppa tra Piazza Sempione/via Nomentana Antica, Conca d’Oro/Val d’Ala e Via dei Prati Fiscali, estendendosi fino a via Salaria. La realizzazione della ciclovia mira a promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto sia per le esigenze quotidiane sia per il tempo libero e le attività ricreative.

In un territorio urbano molto popolato, con oltre 200mila abitanti, e spesso congestionato – dove solo da relativamente poco tempo è arrivata la “cura del ferro”, visto che la stazione Conca d’Oro della linea B1 è stata inaugurata nel 2012 e quella Jonio nel 2015 – la mobilità ciclabile può costituire un’alternativa importante al mezzo a motore, anche in chiave di promozione dell’intermodalità.

Gli obiettivi principali che potremo raggiungere grazie a quest’opera sono, infatti, molteplici. Offrire, innanzitutto, nel tratto superiore, quello parallelo alle strade carrabili, un collegamento veloce, diretto e in sicurezza per i luoghi di lavoro, casa, scuola e i principali luoghi di interscambio, migliorando così la sicurezza e la sostenibilità della mobilità urbana. Inoltre, nel tratto inferiore, quello parallelo al fiume, offrire un itinerario con aree di sosta e ricreative, promuovendo il patrimonio naturale e ambientale del territorio. In particolare, sarà possibile agevolare l’accesso al parco della Riserva naturale dell’Aniene, aumentandone la fruizione, e creare spazi che possano accogliere iniziative e attività, per contribuire alla sua salvaguardia, preservando il luogo dal degrado causato da accampamenti abusivi e discariche, e dalla mancanza di adeguata manutenzione. Otterremo così anche l’effetto di promuovere il nostro territorio che è ricco di eccellenze e luoghi d’interesse, ancora troppo poco conosciuti dai turisti e dagli stessi romani”. Così in una nota Mauro AlessandriAssessore Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio.