NewTuscia – VITERBO – Viterbo ospiterà la IV edizione del Festival dei Luoghi Medievali. Un appuntamento di prestigio per la città che trae origine dall’iniziativa ideata e coordinata dall’Associazione MusiKé, dal Comune di Pistoia e patrocinata dal Comune di Viterbo. Il festival mira alla celebrazione e all’accrescimento dell’immagine dei comuni italiani a forte identità medievale quali destinazioni eccellenti di turismo storico e rievocativo. Alla manifestazione parteciperanno sindaci da tutta Italia che avranno a disposizione una vetrina suggestiva come quella che offre la nostra città, testimonianza di una delle più importanti strutture urbanistiche medievali d’Europa e di un patrimonio artistico di notevole rilevanza. Viterbo, con l’adesione al festival dei luoghi medievali del 2021, ospita un avvenimento di importanza nazionale e rafforza la propria identità nel contesto di un circuito di valorizzazione storica di grande prestigio.

Il programma della due giorni è stato ufficializzato a Palazzo dei Priori, lo scorso 26 settembre, alla presenza della sindaca Chiara Frontini. Ad intervenire per l’occasione Renato Chiti, organizzatore del festival Medieval Italy e responsabile dell’associazione MusiKé, Gianpaolo Serone per Archeoares, partner del progetto, e Santino Tosini, responsabile dell’ufficio beni culturali ed edilizia della Diocesi di Viterbo.

“Siamo all’interno di una rete di comuni a forte identità medievale – ha sottolineato la prima cittadina Frontini -. Grazie al Comune di Pistoia, a Medieval Italy e all’associazione MusiKé, Viterbo ospiterà il primo festival dedicato ai luoghi medievali italiani eccellenti. Un appuntamento imprescindibile per i soggetti pubblici e privati che intendono contribuire alla definizione, allo sviluppo e alla promozione del turismo dei luoghi medievali quale settore tematico di riferimento del turismo culturale. “Il festival – ha affermato Chiti – è un prodotto turistico culturale che mira alla celebrazione e all’accrescimento dell’immagine dei comuni italiani a forte identità medievale quali destinazioni eccellenti di turismo storico e rievocativo”. “La manifestazione, patrocinata anche da ENIT (Agenzia Nazionale per il Turismo) – ha aggiunto Serone – ha una grande valenza istituzionale, volta a creare sinergie fra comuni a forte identità medievale che condividono una strategia turistica e culturale”

Ad oggi questi i comuni che interverranno con i propri rappresentanti istituzionali in occasione della due giorni a Viterbo: San Gimignano (Siena), Radicofani (Siena), Sutri, Tarquinia, Bagnoregio, Boville Ernica (Frosinone), Pistoia, Serravalle Pistoiese, Monteriggioni (Siena), Volterra (Pisa), Fucecchio (Firenze), Anagni (Frosinone) – Cairo Montenotte (Savona) – Fermo (Marche) – Ariano Irpino (Avellino), Bevagna (Perugia).

Il programma della IV edizione del Festival dei luoghi medievali

Sabato 1 ottobre

Ore 15:00 – 15:30 (Sala Regia) Benvenuto autorità;

Ore 15:30 – 16:30 Presentazione progetto di rete e ratifica del protocollo d’intesa;

Ore 17:00 – 18:30 Workshop sull’offerta dei luoghi medievali italiani e presentazione Piano di Marketing 2022/2023.

Domenica 2 ottobre

Ore 10:00 – Educational tour: “Viterbo, luogo medievale eccellente” (riservato ai delegati)

Ore 12:00 (Palazzo dei Papi) la storia rivive nella rievocazione: “Palazzo dei Papi al tempo del Conclave” con la partecipazione della Compagnia della Ruggine, composta da rievocatori professionisti e della compagnia teatrale Tetraedro di Viterbo (riservato ai delegati)

Ore 13:00 – Pranzo

Ore 15:00 (Palazzo dei Priori) Omaggio istituzionale ai Comuni partecipanti

Ore 15:00 – (Palazzo dei Papi) la storia rivive nella rievocazione: “Palazzo dei Papi al tempo del Conclave” con la partecipazione della Compagnia della Ruggine, composta da rievocatori professionisti e della compagnia teatrale Tetraedro di Viterbo (aperto a tutti su prenotazione) Ore 16:30 – (Palazzo dei Papi) la storia rivive nella rievocazione: “Palazzo dei Papi al tempo del Conclave” con la partecipazione della Compagnia della Ruggine, composta da rievocatori professionisti e della compagnia teatrale Tetraedro di Viterbo (aperto a tutti su prenotazione