NewTuscia – VITERBO – Una flessione di quasi 8 punti se si considera che alle precedenti elezioni politiche la percentuale dei votanti nella Tuscia era stata del 76,62% e che invece quella del 25 settembre ha coinvolto il 68,20%.

Nella Tuscia Fratelli D’Italia è risultato il primo partito sia al Senato (40,68%) che alla Camera (40,07%), risultati che superano il dato nazionale. Pd al secondo posto con il 13,76% (13,95% alla Camera), segue il Movimento 5 stelle con circa il 12%. La Lega si ferma al  7% al Senato e arriva al 7,63% alla Camera, Forza Italia è al 7.04% al Senato e alla Camera ottiene il 6,70%.

Tra i candidati del viterbese per l’unimominale, compresi quelli che hanno concorso in altre regioni sono stati eletti Francesco Battistoni nelle Marche, Claudio Durigon (Lega) con il 52,03%, Paolo Trancassini (FdI) con il  50,99% e Mauro Rotelli (FdI), quest’ultimo riconfermato con 106.168 voti (52,82%).

Francesco Battistoni, candidato al Senato FI per il centrodestra nel collegio di Ascoli Piceno, è nuovamente confermato con il 47,66%, e sempre al Senato Claudio Durigon è stato eletto con 52,03% di preferenze. Alessandro Mazzoli (Pd) per il centrosinistra invece si ferma al 21,59%, Massimo Erbetti per il Movimento 5 Stelle al 13,82%, Alessandro Sterpa ottenuto il 5,97%.

Per il centrosinistra, alla Camera Lidia Ferretti è arrivata al 21,30%, Rosita Cicoria di Movimento 5 Stelle al 14,04%, Luisa Ciambella con Azione 6,21%. Alessandra Clementini per il centrosinistra al 23,08%, Roberto Casanica (M5s) al 14,27%, Vincenzo Morelli (Calenda) al 6,15%.

Tra quelli che non ce l’anno fatta ad entrare in Parlamento con il proporzionale, il senatore Umberto Fusco (Lega), Enrico Panunzi (Pd), Filippo Rossi e Vittorio Sgarbi.

Qui la lista completa dei candidati che sono stati eletti a livello nazionale.