XLM Stellar Lumens Vs Bitcoin ed Ethereum, crypto emergente contro i riferimenti di categoria. Chi avrà la meglio?

NewTuscia – XLM Stellar Lumens Vs Bitcoin ed Ethereum, crypto emergente contro i riferimenti di categoria. Chi avrà la meglio?

XLM e la relativa blockchain Stellar Lumens, rappresentano una cosiddetta crypto di nuova generazione. Nata nel 2015, a oggi, a pochi anni dalla sua creazione, questa crypto vanta già più di quattro milioni di utenti ed ha superato il numero di 500 milioni di operazioni effettuate sulla sua blockchain.

Una vera e propria valuta emergente, la cui funzione è quella di velocizzare e rendere più economiche le transazioni di denaro in valute diverse.

XLM Stellar Lumens nasce come fork di Ripple, utilizzando all’inizio lo stesso protocollo, per poi diventare indipendente e crearne uno proprio, conosciuto anche come Stellar Consensus Protocol (SCP).

Differenze tra XLM e Ripple

Il cambio di protocollo corrisponde anche a un cambio di mentalità per XLM rispetto a Ripple. Le due crypto sono infatti simili come sistema di funzionamento e scopo, ma mentre Ripple è una società a fini di lucro, XLM ha scelto la via della fondazione e di un sistema di nodi volontari per il suo funzionamento.

XLM non si confronta poi solo con Ripple, ma anche con i pesi massimi del settore delle cryptovalute.

Vediamo quali sono per esempio le differenze tra XLM e Bitcoin.

XLM vs Bitcoin

Il primo fattore che salta all’occhio in un confronto comparativo, è quello della velocità operazionale. Stellar Lumens ha l’obiettivo di supportare migliaia di transazioni al secondo con un tempo di latenza stimato attorno ai 5 secondi.

Bitcoin non si muove invece dai classici dieci minuti di attesa e conferma, limite transazionale di questa crypto.

Altra differenza molto importante è poi quella del sistema di funzionamento alla base della moneta.

Come già scritto in precedenza, Stellar Lumens XLM basa il suo modello di lavoro sullo Stellar Consensus Protocol che evita la decentralizzazione al fine d’incrementare la bassa latenza e velocità del sistema.

Dall’altra parte Bitcoin fa del processo di mining (e cloud mining) una delle parti fondamentali di questa crypto, giustificando questa fase come un controllo di sicurezza aggiunto che certifica, tramite la risoluzione di questi blocchi, la bontà delle operazioni.

XLM vs Ethereum

Stellar Lumens viene spesso comparata anche alla crypto Ethereum. In questo caso lo scontro comparativo non verte sul tema della velocità delle transazioni ma su quello della sicurezza.

Ancora una volta lo scontro avviene tra la centralizzazione di Stellar Lumens e il relativo protocollo e il sistema aperto di Ethereum (ETH) che basandosi sull’uso degli Smart Contract permette un elevata azione e intervento dei miners nella fase di validazione dello scambio stesso.

A differenziarsi è poi anche lo scopo delle due monete. Ethereum è stata infatti pensata per lo scambio di questi contratti intelligenti tra aziende, mentre la funzione di Stellar Lumens è quella di operare dal basso, creando una valuta semplice e facile da utilizzare per chiunque ne abbia l’esigenza.

Considerazioni finali

Il confronto con tre tra le maggiori crypto al mondo ci mostra che XLM Stellar Lumens può avere le carte in regola per prendersi una bella fetta del mercato. Probabilmente XLM non arriverà mai a insidiare i volumi delle ben più famose Bitcoin ed Ethereum, ma può ricavarsi un interessante nicchia nella quotidianità delle persone, arrivando a rappresentare una soluzione semplice e sicura di trasferimento di denaro che può davvero fare concorrenza a banche e servizi di Money Transfer, soprattutto grazie alla velocità operazionale e al costo minimo di ogni transazione.

Il sistema piace anche agli investitori istituzionali e alle grandi aziende, testimonianza ne è la partnership con IBM e quelle a varie livello con MoneyGram, Samsung e Microsoft.

A caratteristiche estremamente positive si abbina poi una buona diffusione sul mercato. La criptovaluta Lumens XLM è infatti disponibile presso tutti i Crypto Exchange più affermati, a partire da KuCoin.

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21