“Fare continuità didattica con gli studenti fragili”

NewTuscia – ROMA – Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in vista delle pubblicazioni inerenti alle graduatorie definitive delle assegnazioni provvisorie interprovinciali di sostegno, invita il Ministero dell’Istruzione e i relativi Ambiti Territoriali Scolastici a garantire, nell’attribuzione del personale docente agli istituti scolastici, quanto più possibile la continuità didattica con gli studenti fragili.

In particolare si chiede che presa in considerazione la richiesta delle famiglie e gli obiettivi formativi conseguiti durante il percorso scolastico. Gli studenti fragili devono essere particolarmente tutelati rispetto a eventuali cambiamenti repentini del proprio docente di sostegno, soprattutto quando sussistono condizioni di salute che prevederebbero la costruzione di relazioni umane improntate anche alla durevolezza nel tempo e alla condivisione di esperienze da sedimentare.

Pertanto, a meno che non gravi impedimenti non ostacolino tale indicazione, sarebbe preferibile garantire la continuità didattica per tutto il ciclo scolastico.

Il CNDDU auspica che vengano emanate indicazioni favorevoli a quanto rilevato in breve tempo in funzione di una maggiore efficacia didattica e della salvaguardia del diritto allo studio soprattutto degli studenti fragili.

prof. Romano Pesavento

presidente CNDDU

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21