La lettura dei Tarocchi, tra realtà e superstizione

La magia e la superstizione dei tarocchi, le carte che per alcuni sono opera del diavolo ma che rappresentano comunque uno spaccato folkloristico che affonda le proprie radici secoli indietro. Si parla di un mazzo composto da 78 carte, ciascuna delle quali ha un’immagine su un lato ed un relativo motivo ad essa associato.
In sostanza ogni simbolo presente sui tarocchi va al di là dell’aspetto iconografico e cela un significato che, secondo la credenza, solo chi legge i tarocchi è in grado di svelare mettendolo anche in correlazione con le altre carte uscite. E la lettura dei tarocchi è un qualcosa che si è evoluto nel corso degli anni, partita nel XV secolo e oggi nuovamente in voga anche grazie alla proliferazione degli strumenti multimediali.
Mai come in questa fase storica l’attenzione sui tarocchi e su altre pratiche divinatorie è tornata alta proprio grazie ai social ad esempio, ormai in grado di dettare i ritmi dei trend da seguire e di delinearne i contorni.

Tarocchi e web

Sui social impazzano cartomanti e professionisti delle carte, ci sono anche diversi siti specializzati in lettura dei tarocchi online che nel caso ad esempio del portale Ilcoachingonline.com specializzato anche in servizi di coaching astrologico, altro tema in forte trend.
I tarocchi sono in grado di includere al loro interno magia, superstizione, desiderio di credere in un qualcosa di sovrannaturale, visto che si parla sempre e comunque di un’arte divinatoria che quindi si propone come portatrice di un’interpretazione che nasce dalla conoscenza assoluta dell’inconscio.
Non certamente un qualcosa di scientifico o di certo, tantomeno uno strumento al quale affidarsi per prendere determinate scelte importanti nel corso della propria vita; e da qui la differenza tra professionisti dei tarocchi che si rifiutano di fornire consigli su temi quali salute ed altri che, invece, in modo scorretto lo fanno.
Tutto questo rientra nel campo della cartomanzia, una disciplina antica ma in grado da sempre di dividere le masse tra chi la segue ciecamente e chi, invece, la indica come una sorta di truffa colossale. Ed ecco che allora acquisisce importanza anche il modo in cui ci si approccia alla lettura dei tarocchi, meglio se con spirito quai ludico o comunque leggero, senza attribuire loro un potere misterioso e uno status di verità assoluta.
 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21