Sui progetti pilota di produzione di idrogeno verde in aree dismesse con i Fondi del Piano di Ripresa e Resilienza pieno accordo tra regioni e governo

Stefano Stefanini

NewTuscia – VITERBO – “Il Pnrr è un piano che parte dal basso e che ha bisogno del vostro contributo – e di quello dei vostri colleghi – per avere successo.   Tocca a voi progettare interventi di rilevanza strategica per lo sviluppo dei vostri territori.Siete i protagonisti del Piano, e il Governo vuole sostenervi”.

Così il premier Mario Draghi ai governatori delle regioni alla recente firma dei protocolli per i primi progetti bandiera del Pnrr con le Regioni a Palazzo Chigi, come riportato dall’Agenzia Ansa. 

Il progetto delle regioni Piemonte, Friuli-Venezia-Giulia, Umbria, Basilicata e Puglia punta a realizzare siti di produzione di idrogeno verde in aree industriali dismesse.

Contribuisce a stimolare la crescita, a creare occupazione. Ci avvicina ai nostri obiettivi energetici e climatici, che il Governo è determinato a mantenere e anzi a perseguire con sempre maggiore convinzione”, aggiunge il Premier a proposito del progetto di Hydrogen Valley.

“I protocolli che abbiamo sottoscritto – spiega – riguardano due progetti di grande interesse territoriale e nazionale. Entrambi mettono a sistema diversi interventi previsti dal Pnrr grazie alla capacità di selezione e progettazione territoriale promossa dalle Regioni”.

E “i ‘progetti bandiera’ intendono premiare le capacità creative degli enti territoriali, rafforzare la coesione sociale e territoriale. Quelli di oggi sono soltanto i primi, a cui ne seguiranno altri. Sarà un grande piacere presentarli e realizzarli insieme”.

“Il progetto proposto dalla Regione Liguria – osserva – serve a realizzare un “Centro di Medicina Computazionale e Tecnologica”. Unisce infrastrutture scientifiche, tecnologiche e cliniche in modi innovativi e ha l’ambizione di diventare un punto di riferimento nel settore”.  

L’obiettivo dei promotori e’ quello di creare entro il 2026  10 hydrogen valleys, cioè aree industriali con economia in parte basata su idrogeno, per promuovere a livello locale la produzione e l’uso di H2 nell’industria e nei trasporti.

Per contenere i costi verranno utilizzate aree dismesse già collegate alla rete elettrica: lì verranno installati elettrolizzatori per la produzione di idrogeno mediante sovra-generazione FER o produzione FER dedicata nell’area

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21