Edoardo Zanchini nominato direttore dell’ufficio clima del Comune di Roma

Legambiente: “Auguri di buon lavoro per il nuovo prestigioso incarico. Roma ha bisogno della sua competenza ed esperienza”

NewTuscia – ROMA – L’Assemblea nazionale dei delegati di Legambiente ha oggi preso atto delle dimissioni di Edoardo Zanchini da vicepresidente e membro della Segreteria nazionale dell’associazione in seguito alla sua nomina a Direttore dell’Ufficio di scopo “Clima” del Gabinetto del Sindaco di Roma Roberto Gualtieri. 

“Facciamo i nostri più affettuosi auguri di buon lavoro a Edoardo – dichiara Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – per il suo nuovo prestigioso incarico. La costituzione delle comunità energetiche, la diffusione degli impianti a fonti rinnovabili, gli interventi per l’efficientamento energetico degli edifici, i progetti di forestazione sono azioni fondamentali per contribuire a combattere la crisi climatica e per ridurre con efficacia la dipendenza dall’estero del nostro Paese. Il ruolo delle città, a partire dalle metropoli, in questa sfida epocale è davvero decisivo. Siamo sicuri che le sue competenze, la sua autorevolezza e l’esperienza maturate in quasi 25 anni di lavoro in associazione saranno fondamentali per far cambiare passo alla Capitale d’Italia nelle imprescindibili e urgenti politiche climatiche e per allineare le sue azioni concrete agli obiettivi sempre più ambiziosi di decarbonizzazione varati in ambito europeo”. 

“Roma da oggi, con l’Ufficio per il Clima voluto dal sindaco Gualtieri e guidato da Edoardo Zanchini, si arricchisce di un nuovo importante strumento nella sfida per le energie rinnovabili – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. A Edoardo, che in una vita passata in Legambiente ha sapientemente condotto tante iniziative e battaglie a partire proprio da quelle per le fonti rinnovabili, vanno tutti gli auguri e andrà tutto il sostegno della nostra associazione, del direttivo regionale, dei circoli e soci romani. Passerà anche da questo nuovo ufficio di cui si dota la Capitale, una concretezza nuova per dare gambe e anima alle politiche verso l’era della transizione ecologica”.