Viterbo, presentato progetto di rilancio della Aquilanti SpA

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. Viterbo, riparte Aquilanti, storica attività nel settore delle forniture termoidrauliche per l’edilizia con sede nel capoluogo e attività nel Lazio, in Umbria e in Toscana. Accordo tra il Gruppo Revolution, il Gruppo Paolini e Aquilanti per il rilancio del marchio.

È stato presentato questa mattina, a Viterbo, alla presenza dei lavoratori dipendenti, il progetto di rilancio della ditta Aquilanti SpA, storico marchio nei settori idro termo sanitario e arredo bagno.

A intraprendere questa iniziativa, un accordo tra la Holding Revolution di Cristian Errichiello e Lorenzo Elisei, il Gruppo Paolini dell’Ingegner Marco Cosimetti e di Luca e Stefano Paolini, e l’Azienda Aquilanti rappresentata da Alfredo Aquilanti.

“Abbiamo fatto ripartire diverse aziende – ha detto l’ingegner Cosimetti – nove sono stati i salvataggi societari già effettuati. Il Gruppo Paolini fattura 40 milioni l’anno e l’accordo con il Gruppo Revolution ci consente di rilanciare l’azienda Aquilanti, una ditta storica del nostro territorio. È una grande sfida, ne siamo convinti – ha concluso Cosimetti – ma contiamo molto sui nostri collaboratori. Con il loro aiuto possiamo raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti.”

“Il nostro Gruppo – dicono Cristian Errichiello e Lorenzo Elisei di Revolution – nasce nel 2019 e ha la sede principale a Montalto di Castro. Abbiamo undici uffici e dieci società partecipate con le quali operiamo in vari settori: immobiliare, ristrutturazioni, costruzioni, progettazione, energie rinnovabili, acquisto di immobili e terreni, luce e gas, assicurazioni nel mondo immobiliare e edile, installazioni termoidrauliche e locazioni. Il cliente preferisce avere un unico interlocutore e noi gli forniamo assistenza a 360 gradi. Grande è l’impegno nel settore bonus edilizio – proseguono Errichiello e Elisei – abbiamo 102 cantieri aperti e 200 fino a fine anno. Il fatturato dell’anno scorso è stato di 3,3 milioni e a fine 2022 sarà di 35 milioni di euro. Siamo una grande famiglia – concludono i titolari della Holding Revolution – e anche in Aquilanti porteremo lo spirito di collaborazione che esiste tra noi e tutti i dipendenti.”

Per il rilancio della Società Aquilanti si punterà molto anche sulla comunicazione, con una forte presenza sui social, tramite post e video. “Il marchio Aquilanti ha una sua forza e dobbiamo rilanciarlo e valorizzarlo ulteriormente – hanno detto Lorenzo Minnocci e Maurizio Fuggi, incaricati del settore comunicazione – la nostra sarà una campagna pubblicitaria martellante e con contenuti di qualità. È una grande sfida, ma noi ce la metteremo tutta per attrarre i clienti.”

Holding Revolution

Gruppo Paolini

Aquilanti