“Siamo una squadra coesa e solida, ripartiremo dal confronto diretto con il cittadino”

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. Ripartiremo dalla cura del verde, dalla valorizzazione dei quartieri, dal rilancio del centro storico e delle frazioni. Ci sono interventi basilari, come l’attenzione per il decoro urbano e le strade, che ad oggi vengono considerati come misure straordinarie e questo non è ammissibile dal momento che dovrebbero costituire il tessuto primordiale di una buona politica. Dobbiamo invertire questa rotta e intraprendere un percorso parallelo: portare avanti con celerità la routine amministrativa e pianificare e programmare progetti di più ampio respiro”. La candidata sindaco del centrosinistra Alessandra Troncarelli, in corsa per le amministrative del 12 giugno, sale sul palco di piazza San Lorenzo e racconta ai cittadini la sua idea di città. Il suo intervento nel corso dell’iniziativa, che si è svolta nel pomeriggio, in cui sono stati presentati le liste a sostegno della candidata e il programma; a moderare l’evento Felice Arletti, noto ristoratore della Tuscia.

Diversi i temi affrontati in un pomeriggio che ha visto i viterbesi darsi appuntamento a piazza San Lorenzo. Più di mille le persone di fronte al palco per ascoltare “La Viterbo che vogliamo”.

“Bisognerà contrastare la desertificazione delle zone centrali della città, dialogare con i negozianti, con i ristoratori per ascoltare le loro esigenze, tornando anche a offrire servizi essenziali per la persona che possono comportare movimento e partecipazione – ha spiegato la candidata, introdotta dal moderatore

–. E sarà anche necessario rilanciare le zone che da sempre sono state motore di crescita. Penso ad esempio al Poggino che potrà essere valorizzato riattivando i collegamenti”.

Anche le frazioni dovranno essere protagoniste del territorio, puntando sul potenziamento della propria autonomia con una rete strutturata di servizi e trasporti. “Vogliamo riattivare i servizi essenziali nelle frazioni perché le esigenze quotidiane dei cittadini non possono essere trascurate. Sarà quindi necessario un rafforzamento della macchina amministrativa e un efficientamento dei collegamenti. Andranno realizzati itinerari turistici e culturali in un’offerta unica dove la cultura del capoluogo possa essere in stretta correlazione con quella delle frazioni”, aggiunge Troncarelli.

Tutti temi realizzabili grazie all’esperienza e alla forza della squadra. “Il mio percorso politico è iniziato in comune nel 2013 ed è poi proseguito in Regione – ha affermato la candidata -. Sono ben nove anni di studio, contraddistinti da impegno e risultati. Non siamo alle prime armi, ma abbiamo alle spalle anni di lavoro – ha affermato Troncarelli -. E permettetemi, quindi, di ringraziare chi mi ha sostenuto in questo percorso, il consigliere regionale Enrico Panunzi e voi che siete qui in piazza a supportarmi con la vostra candidatura. Duecentotrentanove persone che si sono messe in gioco al mio fianco. Siamo un gruppo coeso, solido e compatto che condivide l’amore e il rispetto per questa città”.

E ad alternarsi sul palco, poco prima del discorso della candidata, sono stati proprio alcuni rappresentanti delle liste che con entusiasmo e partecipazione hanno tracciato la loro visione della città; idee e progetti che sono il cuore del programma elettorale della coalizione.

“Siamo una squadra che vuole dialogare – ha concluso Alessandra Troncarelli –. Il confronto è l’ingrediente alla base della nostra collaborazione; un confronto che vogliamo portare avanti giorno dopo giorno anche con tutti voi cittadini. Insieme possiamo dare un nuovo volto a Viterbo perché la buona politica non è mai calata dall’alto, ma nasce e si sviluppa con la partecipazione e l’apporto della comunità”.

Alessandra Troncarelli