“I saperi contadini come strumenti di pace“ a Civita Castellana

Simone Stefanini Conti

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Sabato 30 aprile, presso la Sala della Curia Vescovile di Civita Castellana, il Biodistretto della Via Amerina e e Schola Campesina APS  organizzano un incontro con le organizzazioni contadine provenienti dall’ Europa, dai Balcani, dal Caucaso e dall’Asia Centrale per un importante convegno.

Le organizzazioni contadine invitate si occupano tutte di agroecologia e sono guidate per la maggior parte da leader donne. Queste organizzazioni lavorano tutte per la produzione di cibo a livello locale e sono proprio queste organizzazioni, queste donne, questi uomini a rendere i nostri sistemi alimentari resilienti e sostenibili.

In questo periodo di crisi, oltre ai cambiamenti climatici e agli shock, alla pandemia, l’Europa orientale sta affrontando una guerra e il resto del continente è molto preoccupato. Le organizzazioni di agroecologia, con il loro potere di costruire forti sistemi alimentari locali, offrono una prospettiva culturale e sociale di pace perché fortificano le relazioni tra le persone, valorizzano la cultura rispetto all’identità, il territorio rispetto all’invasione della terra e le comunità rispetto alla concentrazione del potere.

Questa conferenza internazionale vuole dimostrare che le organizzazioni e le scuole di agroecologia stanno avviando una serie di azioni che hanno il potenziale per costruire comunità resilienti e unire il nostro popolo in pace.Immagine

Programma :

Ore 9:00- 9.30 Registrazione

9:30 Saluto di benvenuto Luca Giampieri Sindaco di Civita Castellana

9:40 Introduzione alla Conferenza

Famiano Crucianelli Presidente Biodistretto della Via Amerina e delle Forre

S.Ecc. Monsignor Romano Rossi Vescovo di Civita Castellana

Ewa Smuk Stratenwerth EUL – Poland BAG Project Coordinator Ersamus +

10:30 Il confronto delle esperienze: Modera Carolina Starr Agroecology officer FAO (Regional office for Europe and central Asia)

Prima Tavola rotonda

  • Olena Borodina Knowledge platform – Agro Development and rural innovation (KP – AD&RI) – Ukraine
  • Mariam Jorjadze Elkana – Georgia
  • Aida Jamangulova ADI – Kyrgyzstan
  • Gordana Đurić Alica – Foundation Bosnia Erzegovina
  • Isabelle Hagel – InterAfocg France
  • Suzana Dimitrievska – Eko Linden North Macedonia
  • Rano Djumaeva – Tomiris Tajikistan
  • Nikolin Karapanci – ANRD Albania
  • Roberto Mancinelli – Dafne Università della Tuscia Coordinatore Comitato scientifico del Bio- distretto delle Forre e della Via Amerina

11:30 Pausa caffe

11:45 Seconda Tavola Rotonda

  • Valentina Sovkina Csipn – Center for support of indigenous peoples of the North CSIPN Russia
  • Ovidio Profili AgroEcoAmerina – Bio-distretto della Via Amerina e delle Forre
  • Leonardo Van der Berg Toekomstboeren – Netherlands
  • Dinora Azimova- Mohira Bonu Uzbekistan
  • Reto Demeter  – Switzerland
  • Gulmaira Baimakova – Zher Ana- Astana Kazakistan
  • Ana Benoliel Coutinho- Gradina Moldovei Moldova
  • Martin Nobelmann Eberswalde Univerity Germania
  • Tahir Halitaj –Women Group Kosovo
  •  Akylbek Rakaev – Nomadic Livestock Keepers DPF

12:50 Conclusioni

Andrea Ferrante Schola Campesina Aps 13:00 Momento conviviale e di scambio fra tutti i partecipanti alla conferenza con buffet a base di prodotti biologici di AgroEcoAmerina Associazione dei produttori biologici del Bio-distretto della Via Amerina e delle Forre