Trastevere secondo in classifica dopo la vittoria sul Vastogirardi

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Trastevere-Vastogirardi-Proia-esulta-dopo-il-gol-foto-Ferri.jpg

NewTuscia – ROMA – Il Trastevere batte il Vastogirardi nella trentesima giornata del girone F di Serie D e approfitta del pareggio del Tolentino contro il Chieti per agganciare i marchigiani al secondo posto della classifica.

Mazza opta per una formazione senza prime punte di riferimento, con Corsetti falso nove e Macrì-Crescenzo alle sue spalle. 3-4-3 per gli ospiti, con l’argentino Prado al centro dell’attacco supportato dal bomber Guida. Fin dalle battute iniziali è il Trastevere a fare la partita: al 5′ Crescenzo ci prova dalla distanza senza successo, imitato, sei minuti più tardi da Proia. Al 17′ bella combinazione al limite tra Lapenna e Macrì con conclusione di quest’ultimo che esalta i riflessi di Di Stasio. Il match si sblocca al 31′, quando Crescenzo guadagna il fondo a destra, scarica a rimorchio per Cervoni il cui tiro viene smanacciato a terra da Di Stasio che, però, non può nulla sul successivo tap-in da pochi passi di Proia.

La reazione molisana non c’è e Crescenzo, tra il 35′ ed il 37′ va per due volte vicino al raddoppio con conclusioni pericolose dalla distanza. Raddoppio che arriva in apertura di ripresa: Crescenzo crossa di prima intenzione rasoterra dal lato corto destro dell’area, Di Stasio esce timidamente e viene anticipato da Corsetti che lo batte per la seconda volta. Il Vastogirardi stavolta prova a reagire e al 62′ protesta per un tocco di mano di Laurenzi, che rinvia in precario equilibrio e si fa sbattere involontariamente il pallone sul gomito. Un minuto dopo è Sannipoli a tentare il jolly dalla distanza, invece di servire Corsetti meglio piazzato. L’occasione migliore per gli ospiti arriva al 65′, con Guida che si libera di Tarantino con un sombrero al limite dell’area e permette al neo entrato Salatino di calciare al volo, ma la palla non si abbassa a sufficienza. Al 67′ Proia salta un avversario sulla trequarti, si accentra e calcia forte col sinistro esaltando i riflessi di Di Stasio. È l’ultima emozione di un match che, nel finale, non regala ulteriori sussulti. 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21