A Cori tanta gente alla mostra antologica su Pietro Nazzari

NewTuscia – CORI – Grande partecipazione ieri a palazzetto Luciani per l’inaugurazione, avvenuta alla presenza della famiglia, della mostra ‘PIETRO NAZZARI. ANTOLOGICA anni’60-90’ che raccoglie carboncini, chine, oli e pastelli realizzati dall’artista corese scomparso nel 2018.

Si tratta della prima mostra antologica – accompagnata da un pregevole catalogo – dedicata alla produzione di Nazzari, che l’Amministrazione comunale ha voluto realizzare per fornire al pubblico la possibilità di ammirare un’ampia selezione di opere, molte delle quali inedite, di un artista dotato di vero talento e abilità tecnica e, contemporaneamente, di un omaggio da parte della sua città natale che lo ha ricordato ieri con affetto e sincera stima.

All’evento sono intervenuti il sindaco di Cori, Mauro De Lillis, l’assessore alla Cultura, Paolo Fantini, il curatore della mostra, Mauro Carrera, l’artista corese Angelo Bianchi che ha con grande passione collaborato alla sua realizzazione e la signora Antonietta Agostinelli, moglie di Pietro Nazzari.

“Questa iniziativa – così il primo cittadino Mauro De Lillis e l’assessore Paolo Fantini – costituisce una preziosa opportunità per tutti di poter meglio apprezzare la produzione di un artista che ci appartiene, che probabilmente non tutti, anche complice la sua ritrosia, conoscono nelle sue varie sfaccettature e a cui va reso il giusto riconoscimento.

Ringraziamo chi si è impegnato per la realizzazione della mostra e, soprattutto, ringraziamo Pietro Nazzari e la sua arte, per i ritratti, gli scorci di Cori, i paesaggi che ci hanno lasciato. Un abbraccio, infine, e un sincero grazie ad Antonietta e Maria Carmine, moglie e figlia di Pietro, e, dal 2018, anno in cui se ne è andato, custodi delle sue opere”.

“Vedere una mostra così gremita valeva da sola il viaggio da Parma” ha sottolineato Mauro Carrera giunto appositamente dall’Emilia Romagna che ha poi spiegato: “Nazzari tratteggia un mondo che non c’è più e a cui guarda non per rimpiangerlo, ma perché “scalda” come scaldano anche noi ancora oggi le sue opere che quel mondo ritraggono”.

“È stata per me una bellissima sorpresa – ha detto Angelo Bianchi – scoprire il mondo di Nazzari e invito i giovani ad avvicinarsi a lui e conoscerlo meglio”.

Comprensibilmente emozionata, la moglie di Pietro Nazzari ha ricordato il compagno della sua vita, autore di un’ampia produzione ancora in parte da svelare. 

L’esposizione sarà visitabile tutti i giorni fino all’8 maggio con i seguenti orari: 10 – 13, 15 – 18. Per informazioni: Pro Loco Cori 06 9661 7213.

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21