Lazio, Tidei (Iv): Condivido preoccupazione Unindustria, serve intervento strutturale per burocrazia”

NewTuscia – ROMA – “Condivido le preoccupazioni espresse dal presidente di Unindustria Lazio Angelo Camilli sulle lungaggini burocratiche che frenano le imprese e portano molti imprenditori a trasferire altrove nuove occasioni di sviluppo. La decisione della multinazionale Catelent di lasciare Anagni deve farci riflettere sulla necessità di intervenire il prima possibile per snellire il processo autorizzativo che ha tempi troppo lunghi, oltre a prevedere procedure complesse”. Lo dichiara, in una nota, la presidente della commissione Sviluppo economico e Attività produttive del Consiglio regionale del Lazio Marietta Tidei (Italia Viva). “Serve un intervento a livello nazionale – aggiunge Tidei – in linea con lo snellimento delle procedure per le rinnovabili a cui sta lavorando il governo e che intercetta un’esigenza altrettanto importante alla luce del blocco insensato deciso dalla Regione Lazio”, conclude Tidei.

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21