Karate: 15° campionato italiano e coppa Italia Fik

NewTuscia – VITERBO – Grande soddisfazione e festeggiamenti presso il dojo Velta Karate di Viterbo a seguito dei risultati ottenuti nello scorso fine settimana al 15° Campionato Italiano e Coppa Italia FIK organizzato dal Comitato Regionale Lombardia e che si è disputato a Concorezzo, Monza.

La competizione nazionale più prestigiosa in calendario, che conclude la stagione agonistica 2022 della Federazione Italiana Karate, ha riscosso un successo partecipativo inaspettato, si sono infatti radunati nella piccola cittadina lombarda circa milletrecento karateka provenienti da tutta l’Italia che hanno dato vita ad un evento intenso, ricco di emozioni caratterizzato da categorie numerose e podi difficilmente raggiungibili. Questi sono i risultati degli atleti viterbesi:
5 ORI:
CARABALI BRAIAN, KATA SPERANZE VERDI E BLU
CARABALI BRAIAN, KUMITE SPERANZE VERDI E BLU -35 KG
GERUNZI CESARE, KUMITE SPERANZE MARRONI E NERE -40 KG
MORETTI FILIPPO, KUMITE BAMBINI FINO AD ARANCIO -25 KG
SURDU MAXIM, KUMITE RAGAZZI VERDI E BLU -45 KG

1 ARGENTO:
LOJELO ALESSANDRO, KUMITE BAMBINI FINO AD ARANCIO -30 KG

6 BRONZI:
BUZZI SIMONE, KUMITE CADETTI MARRONI E NERE -63 KG
FARRUGGIA MTILDA, KUMITE RAGAZZI FINO AD ARANCIO -35 KG
RINALDI ELEKTRA, KUMITE BAMBINI FINO AD ARANCIO -30 KG
RINALDI GABRIEL, KUMITE SPERANZE VERDI E BLU -35 KG
SURDU MAXIM, KATA RAGAZZI VERDI E BLU
VITALE ALESSANDRO, KUMITE RAGAZZI FINO AD ARANCIO -35 KG

In forte ascesa CARVONE CLAUDIO che si è inserito al 6° posto nell’affollata e difficile categoria KATA CADETTI SHOTOKAN MARRONI E NERE, buone le prestazioni di BOCCIALONI MARCO e MANCINELLI MATTEO MARIA che nonostante la determinazione si sono arrestati nelle fasi eliminatorie.

 L’associazione VELTA KARATE VITERBO, inoltre,  si è classificata al 3° posto nazionale nella classifica per società  nella specialità combattimento della Coppa Italia.
Un ringraziamento particolare ai coaches che hanno seguito gli atleti in gara, gli insegnanti Keikenkai Luca Laezza, Fabio Gentileschi e Marcello Orazi.