Pac, Battistoni (Mipaaf): “In Europa ci battiamo per un agricoltura più forte”

“In decreto Ucraina fondi per 195mln di euro per comparto agricolo”

NewTuscia – ROMA – “Sostenere la crescita economica dell’Italia nel settore agroalimentare è la sfida che si sono posti gli Stati membri adottando nella programmazione 2023-2027 della nuova PAC, delle linee di indirizzo comuni per giungere ad obiettivi condivisi e di crescita sostenibili”. Lo ha dichiarato il sottosegretario al Mipaaf, Francesco Battistoni all’evento “Dove sta andando la Pac” promosso Coldiretti Umbria in occasione della 53esima edizione di AgriUmbria. “La riforma della politica agricola comune – spiega Battistoni – è uno strumento di sostegno economico che punta a una stabilità sociale ed economica indirizzata a favorire una crescita omogenea ed ecologica delle filiere, supportandole negli investimenti green e ambientali.

Nell’ultimo mese, con lo scoppiare della guerra fra Russia e Ucraina, gli indirizzi della Pac hanno subito dei cambiamenti, tanto che sono state adottate delle misure straordinarie. Mi riferisco al “Decreto Ucraina” che ha previsto una serie di iniziative in favore del sostegno al reddito degli agricoltori come la rinegoziazione e ristrutturazione dei mutui agrari, il credito di imposta per l’acquisto di carburante per le attività agricola e della pesca fino all’utilizzo del digesto in sostituzione dei fertilizzanti chimici. Tutte misure che per l’agricoltura valgono 195 milioni euro”. 

“In sede unionale, anche alla luce di ciò che sta avvenendo nell’Est Europa, ci stiamo battendo per una agricoltura più forte proprio per garantire gli approvvigionamenti alimentari che, con la guerra, hanno mostrato tutta la loro fragilità. A livello europeo – ha concluso – è diventata prioritaria l’autosufficienza alimentare, perciò bisogna riflettere sulla produttività, puntando su strumenti e soluzioni nuove, proposte dalla ricerca e dall’innovazione, senza perdere di vista la sostenibilità”.