Fdi: “In grave difficoltà i produttori di latte”

NewTuscia – VITERBO – Ieri, lunedì 28 marzo, siamo stati ospiti dell’azienda agricola di Marco Pancianeschi e suo figlio Simone, nei pressi di Grotte Santo Stefano. Padre e figlio producono latte e ci hanno confermato le ormai tristi vicende del loro settore. Il latte è una punta di diamante del made in Italy/Tuscia e non lo scopriamo oggi.

Ciononostante, i produttori combattono per la sopravvivenza.

Questo termine non è utilizzato con accezione meramente provocatoria, perché di vera sopravvivenza si tratta.

La Tuscia ha nella sua storia agricola una buonissima tradizione di latte e sentire che il rischio della chiusura di aziende storiche potrebbe diventare realtà concreta fa male. Molto male. Infatti, dalle campagne si comincia a sentire la stanchezza di anni di speranze svanite nel vuoto.

Tra le domande a cui dobbiamo rispondere, ce ne è una, come è noto, che racchiude i sacrifici e le grida dei produttori: quale è il prezzo giusto per il nostro latte? Indubbiamente, non è quello corrente.

E allora noi abbiamo un compito importante: ascoltare e costruire un’alternativa valida.

L’agricoltura è di chi la fa e noi dobbiamo tenderle la mano. Ora o mai più.

Massimo Giampieri coordinatore provinciale Fdi

Pietro Narduzzi responsabile prov. dip. Agricoltura FdI

Valerio Cerci responsabile dipartimento Ambiente

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21